News dal territorio

27-07-2017

C’è un Sindaco a Carini. Ruspe in azione per bonificare la costa

Carini è un comune di circa 38.000 abitanti della Città metropolitana di Palermo. Carini vanta una storia ultramillenaria, testimoniata da diverse citazioni in opere letterarie e artistiche e da molteplici ritrovamenti. Testimoniata da un ricco patrimonio storico-artistico tra cui il celebre Castello. Il territorio urbano, prevalentemente pianeggiante, è delimitato dai monti Pecoraro, Montagna Longa, Cerasia, Saraceno, Tre Pizzi e Colubrino, mentre il centro storico è sito su una collina. Il versante nord della città è bagnato dal mar Tirreno (Golfo di Carini). La città è facilmente raggiungibile, in ogni suo punto, grazie alla rete stradale che l’attraversa.

A Carini c’è un Sindaco. Un uomo dello Stato: rispettoso delle leggi, rispettoso dell’ambiente e del paesaggio. E’ il sindaco Giovì Monteleone che, proprio in questi giorni di luglio, ha riattivato le demolizioni delle case abusive lungo la costa. Quelle case che avevano quasi completamente ostruito l’accesso al mare. Lo scorso 19 aprile era stato abbattuto un edificio di trecento metri quadrati su due piani, mentre a giugno si è demolita la struttura in cemento armato di un mostro edilizio che da circa quarant’anni si trovava nel rione Sofia, in pieno centro abitato. Adesso sono riprese le azioni di demolizione di sette immobili che, quattro mesi fa, il sindaco aveva affidato ad una ditta privata.

Dice il sindaco Monteleone: “Per evitare che le aree liberate dalle abitazioni vengano trasformate in discariche verranno collocate le barriere cosiddette “jersey”. Purtroppo difficoltà legate a mancanza di personale e alla vastità del territorio non ci consentono un monitoraggio costante e totale. Le strade che corrono parallele alle corsie dell’autostrada saranno comunque monitorate e chi trasgredirà l’ordinanza di deposito rifiuti sarà sanzionato, com’è successo fino a stamattina, con una multa il cui importo minimo è seicento euro”.

Proprio qualche giorno fa, la Commissione parlamentare nazionale sulle periferie degradate si è recata a Carini. Il sindaco Monteleone ha avuto modo di illustrare le molteplici difficoltà che si incontrano nelle azioni di bonifica della costa, nel richiedere strumenti legislativi e finanziari utili ad accelerare il processo di ripristino dello stato originario dei luoghi . Di certo, in Sicilia un sindaco che è capace di far demolire immobili abusivi fa ancora notizia. E purtroppo è un sindaco che rischia. Che rischia parecchio. Pertanto, noi di Italia Nostra non possiamo che esprimere pieno sostegno al sindaco di Carini Giovì Monteleone, nell’auspicio che questa terra sappia tutelare e valorizzare pienamente la salubrità e la bellezza dei sui paesaggi   straordinari.

 

Il Consiglio Regionale di Italia Nostra Sicilia

Italia Nostra Onlus