News dal territorio

28-07-2017

Sicilia: comunicato sul Registro Regionale delle Onlus

I bandi dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, riguardanti le convenzioni con le associazioni di volontariato Onlus, discriminano Italia Nostra, la più antica e diffusa Associazione di salvaguardia dei beni culturali, artistici e naturali, nata a Roma nel 1955 e riconosciuta con decreto presidenziale nel 1958, perché non iscritta al Registro Regionale delle Onlus. Associazione che si articola, su tutto il territorio nazionale con più di 200 sezioni (14 in Sicilia) e 20 consigli regionali.

Protestano il presidente del Consiglio Regionale di Italia Nostra Sicilia, prof. Leandro Janni, e la presidente della Sezione di Siracusa, prof. Lucia Acerra, per l’assurda esclusione dalla partecipazione ai progetti di collaborazione con i musei e con i siti culturali della Regione Siciliana, dei propri giovani volontari. Non conta dunque lo straordinario e riconosciuto ruolo e prestigio dell’Associazione, non contano le competenze dei volontari di Italia Nostra né, tantomeno, contano i progetti ideati e finalizzati alla conoscenza e fruizione dei siti, dei musei. Fondamentale conditio sine qua è dunque l’iscrizione dell’Associazione al Registro Regionale delle Onlus, a cui Italia Nostra, proprio per le sue peculiarità giuridiche, fiscali ed organizzative, non può essere iscritta (“Il Presidente nazionale ha la firma e la legale rappresentanza dell’Associazione, della quale dirige l’attività e svolge tutte le funzioni a lui delegate dal Consiglio direttivo nazionale, avvalendosi del Segretario generale. Ha altresì la facoltà di promuovere giudizio e resistere in tutte le sedi giurisdizionali” – art. 14 dello Statuto di Italia Nostra.

Concludendo, nessuna delle Sezioni siciliane di Italia Nostra potrà prestare la propria opera di volontariato a sostegno del martoriato patrimonio culturale regionale. Quanto richiesto dai bandi dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana appare pertanto illogico e discriminatorio, per cui si sollecitano le Istituzioni competenti ad eliminare tale stortura, individuando adeguate soluzioni.

Italia Nostra Onlus