Nazionale

14-02-2018

Galasso e la pianificazione paesaggistica

Ricordando il fondamentale contributo di Giuseppe Galasso alla tutela del paesaggio, Italia Nostra fa il punto sullo stato di adozione dei Piani Paesaggistici da parte delle Regioni

Italia Nostra partecipa al cordoglio unanime per la recente scomparsa del Prof. Giuseppe Galasso. I rapporti tra il Prof. Galasso e Italia Nostra datano dagli anni 80, quando il professore era sottosegretario ai Beni Culturali e organizzò a Roma gli incontri per l’avvio della Pianificazione Territoriale Paesistica.

“Dobbiamo essergli tutti grati,” dichiara il presidente nazionale di Italia Nostra, Oreste Rutigliano, “per aver ribadito e consolidato i valori costituzionali connessi alla tutela del paesaggio della Nazione, che ha saputo trasferire nella salvifica legge che porta il suo nome, da lui scritta con rara passione, competenza e coscienza, durante gli anni nei quali ha ricoperto l’incarico di sottosegretario del Ministero dei Beni culturali”.

Nel corso degli anni, Italia Nostra ha avuto modo di manifestare spesso il proprio apprezzamento divulgando a più riprese la lettera che il Prof. Galasso scrisse a tutte le Amministrazioni regionali, nella quale invocava che si attuasse la sua legge, con la redazione dei Piani Paesaggistici. Alle Regioni è infatti demandata la redazione e l’approvazione dei piani paesaggistici in copianificazione con il MiBACT (D.LGS 63/2008).

Italia Nostra deve amaramente constatare che dopo più di trent’anni, la pianificazione paesaggistica regionale è ancora a macchia di leopardo, insufficiente e disattesa.

Dopo il 2008 solo quattro regioni hanno completato l’iter di condivisione, approvazione e adozione dei piani e sono Piemonte, Toscana, Friuli Venezia Giulia e Puglia. Il Lazio ha aggiornato il piano paesaggistico (il vecchio piano era stato adottato nel 2007) ma l’approvazione, programmata per febbraio di quest’anno, è slittata a dopo le elezioni regionali. Le Marche, l’Umbria, il Veneto, l’Emilia Romagna, la Lombardia e la Calabria hanno tutte avviato le procedure per la copianificazione con il MiBACT ma di fatto non hanno ancora i propri piani paesaggistici. Abruzzo, Basilicata, Campania, Liguria, Molise hanno solo recentemente cominciato l’iter di copianificazione. Le Regioni Sicilia, Trentino Alto Adige e Val d’Aosta hanno piena autonomia in materia di paesaggio in virtù delle disposizioni dei loro Statuti. La Sardegna, una delle prime regioni ad adottare un piano paesaggistico per le coste e le città, prima che fosse necessaria la copianificazione con il MiBACT, è ora in fase di revisione controriformista del piano.

***

“In ricordo del Prof. Galasso”, dalla nostra Sezione di Napoli:

In una delle ultime interviste Giuseppe Galasso avvertiva: “Lo studio della storia marcia insieme alla passione civile”.

Già presidente della Società napoletana di storia patria; membro del consiglio scientifico della Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino, presidente della Biennale di Venezia e della Società Europea di Cultura, Accademico dei Lincei, Galasso è stato uno dei massimi esponenti della cultura italiana e napoletana.

Storico insigne, giornalista, scrittore, politico e docente universitario, egli consegna tantissimo nelle mani di quanti lo seguono nel suo insegnamento.

Grati dobbiamo essergli tutti per l’alto significato dei valori costituzionali connessi alla tutela del paesaggio della Nazione, che ha saputo trasferire nella salvifica legge che porta il suo nome, da lui scritta con rara passione, competenza e coscienza, durante i soli due anni nei quali ha saputo degnamente ricoprire l’incarico di sottosegretario del ministero dei Beni culturali, al servizio della sua e nostra Italia.

Italia Nostra sez. di Napoli – “Antonio Iannello”

***

Riceviamo da Leandro Janni, presidente del CR Sicilia di Italia Nostra, e volentieri pubblichiamo:
“Straordinaria intervista al Prof. Giuseppe Galasso, a cura di Edek Osser, pubblicata da Il Giornale dell’Arte nel maggio del 2008
(http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2008/5/128865.html). Il Prof. Galasso descrive e commenta magistralmente il contesto politico e
culturale nel quale nasce e si afferma la legge n. 431 del 1985″.
***
Riceviamo il ricordo del Prof. Galasso redatto da Francesco Sisinni e volentieri pubblichiamo:

La testimonianza del Direttore Generale del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali al tempo della Legge Galasso

***

Leggi anche:

“Addio allo storico Galasso, il cordoglio del presidente Mattarella” da https://www.ilmattino.it/napoli/politica/morto_galasso_cordoglio_mattarella-3543912.html

Musi: “Galasso, maestro carismatico, non smetteva mai di studiare” da http://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/02/13/news/musi_galasso_maestro_carismatico_non_smetteva_mai_di_studiare_-188755224/

“Morto lo storico Giuseppe Galasso. Difese i valori del Risorgimento” da http://www.corriere.it/cultura/18_febbraio_12/addio-storico-giuseppe-galasso-erede-benedetto-croce-37f1a18e-0fda-11e8-a9ce-f6fed5e23abc.shtml

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus