News dal territorio

10-01-2018

Il Cortile dei Giganti: nuovo intervento d’arte nel vicolo Sparta con il progetto “BADIA LOST AND FOUND” avviato da Italia Nostra Lentini

Ancora street art d’autore per il primo “parco urbano d’arte” della provincia di Siracusa. La sezione di Lentini di Italia Nostra continua a distinguersi conducendo passi avanti con il progetto “Badia Lost and Found”. Da un Luigi Pirandello all’altro, da “Ciàula scopre la Luna” a “I giganti della montagna”. Due interventi hanno fatto ricorso alla “stessa penna” e per lo stesso progetto, da un anno all’altro: l’ultimo nel 2017 con l’intervento di Stefano Maria Girardi su Salita G. Puccetti ed il primo del 2018 di Franco Condorelli al Vicolo Sparta.

Una città che sta mutando, in cui si stanno convertendo gli spazi urbani in una galleria d’arte all’aperto con le opere di oltre una ventina di artisti provenienti da tutta Italia. Una delle più antiche e suggestive aree della città torna ad esser frequentata attraverso la street art, il design e l’arduo compito filologico della rilettura di memorie e di storie dei Luoghi.

 

” […] E col settimo Sol della sublime
Città di Lamo dalle larghe porte,
Di Lestrigonia, pervenimmo a vista.
Quivi pastor, che a sera entra col gregge,
Chiama un altro, che fuor con l’armento esce.
Quivi uomo insonne avria doppia mercede,
L’una pascendo i buoi, l’altra le agnelle
Dalla candida lana: sì vicini
Sono il diurno, ed il notturno pasco.
Bello, ed ampio n’è il porto: eccelsi scogli
Cerchianlo d’ogni parte, e tra due punte,
Che sporgon fuori, e ad incontrar si vanno,
S’apre un’angusta bocca. […]”

Odissea, Libro X – v. 106, 129

Seguendo ipotesi e fonti storiche, come per Euripide i Ciclopi fossero abitanti ctoni dell’Etna e per Teopompo i Lestrigoni fossero un popolo ai piedi del Monte Pancali, quindi di Leontinoi, è stata pianificata una nuova oasi artistica nell’ambito del progetto di valorizzazione “Badia Lost and Found”. L’idea porta a fare della monumentale via S. Francesco d’Assisi (quartiere Badia) un punto d’arrivo, raggiungibile lungo percorsi che si fanno dinamici cantieri d’arte, di design, di confronto e di incontro. Sulla filosofia del progetto “lost and found”, come testimoniato gli artisti Dulk e Sislej Xhafa, il dialogo con l’ambiente ed il tessuto sociale di Lentini continua a caratterizzare le pitture e le installazioni degli artisti coinvolti. In questo senso anche Franco Condorelli, come precedentemente Stefano Maria Girardi, ha fatto della riflessione e rielaborazione di stimoli e spunti legati al luogo di lavoro uno degli aspetti più importanti della sua personale ricerca pittorica.

Foto di Anna Maria Demi

Italia Nostra Onlus