Appelli

La nuova legge sul consumo di suolo in Emilia Romagna non tutela il territorio

Il testo della proposta di legge della Regione Emilia-Romagna recante la DISCIPLINA REGIONALE SULL’USO E TUTELA DEL TERRITORIO  è stato pubblicato il 3 novembre e presentato in assemblee provinciali ad amministratori ed esponenti dell’imprenditoria e delle professioni.

L’assessore ha dichiarato il suo intendimento di formalizzare la proposta di legge in giunta regionale entro dicembre, per presentarla all’Assemblea legislativa ai primi del nuovo anno.

 

Il contenimento del consumo di suolo e la rigenerazione delle città sono gli obiettivi proclamati, ma la bozza presentata tradisce entrambi gli obiettivi.

Il vantato limite del 3% posto all’ulteriore consumo di suolo,  già in sé molto elevato,  non computa  l’effettiva ulteriore trasformazione di campagna coltivata in aree urbane, complessi industriali o grandi infrastrutture.

La riqualificazione e rigenerazione urbana è concepita come addensamento incontrollato, in quanto rimessa esclusivamente ad accordi operativi su progetti formati per iniziativa privata nella più assoluta arbitrarietà.

Per illustrare i rischi che tale legge comporta rispetto alla pianificazione e alla tutela delle città e del territorio

 

Italia Nostra indice una Conferenza stampa

MARTEDI’ 13 DICEMBRE alle ore 11,30 presso la Sala Biagi  del Quartiere Santo Stefano BOLOGNA

Via Santo Stefano 119

Intervengono

Pier Luigi Cervellati, Giovanni Losavio, Ezio Righi,

Paola Bonora, Ilaria Agostini

G.Masini , presidente regionale di Italia Nostra

J. Bentini, presidente della Sezione di Bologna

Italia Nostra Onlus