News dal territorio

14-02-2018

La sconcertante rimozione del presidente del Parco dei Nebrodi Antoci

Irredimibile Sicilia? L’ineffabile Nello Musumeci, attuale presidente della Regione Siciliana, successore di Rosario Crocetta, revoca l’incarico di presidente del Parco dei Nebrodi a Giuseppe Antoci. Antoci, che circa due anni fa subì un attentato di stampo mafioso, dichiara sconcertato: “Qualcuno ieri sera ha brindato e certamente non hanno brindato le persone perbene. Musumeci non sta certamente dalla mia parte: egli è lo Stato in Sicilia e lo Stato non deve pensare alle appartenenze politiche. Per prima cosa lo Stato deve tutelare le persone come me. È un fatto politico che ovviamente dà un segnale forte e chiaro a certi ambienti”.

“Al legittimo sconcerto di Antoci si associa la nostra indignazione”, afferma il presidente di Italia Nostra Sicilia Leandro Janni. “Insomma: gli importanti risultati ottenuti in questi anni da Antoci in Sicilia hanno consegnato alla comunità nazionale e internazionale un esempio concreto di buona amministrazione, ma hanno altresì rappresentato un imprescindibile punto di riferimento per i cittadini onesti e operosi. Incrementi turistici rilevanti; aziende che, attraverso peculiari politiche di tutela e valorizzazione, hanno avuto occasioni preziose per crescere, svilupparsi; il riconoscimento del Premio Continentale per l’Ambiente, assegnato all’unanimità da ben 400 stati membri e mai ricevuto da un italiano e da un’area protetta italiana. E poi: le battaglie per la legalità che, insieme a tanti sindaci, il presidente Antoci ha portato avanti in questi anni, conducendo una virtuosa azione politica e amministrativa che ha visto protagonisti tanti Comuni siciliani e il Parco dei Nebrodi. E soprattutto: l’aver saputo interrompere, bloccare il notevolissimo flusso di fondi europei volti a finanziare la malavita organizzata ha rappresentato, senza alcun dubbio, un’azione tanto coraggiosa quanto lucida ed efficace, che ha fortemente indebolito le mafie nei territori”.

Durissimo il commento del governatore della Puglia Michele Emiliano, che attacca anche il Pd per la mancata candidatura di Antoci: “La scelta del governatore della Sicilia, Nello Musumeci, di non rinnovare e addirittura di interrompere anticipatamente l’incarico di presidente del Parco dei Nebrodi a Giuseppe Antoci, è un grande favore a Cosa Nostra. E’ incredibile che la legge sul cosiddetto “spoil system”, in vigore nella Regione Siciliana, venga utilizzata anche nei confronti di chi, a parere unanime di tutta la comunità nazionale, ha svolto il suo ruolo con assoluta dedizione, capacità, e soprattutto a rischio della sua stessa vita. Antoci, straordinario servitore dello Stato, avrebbe dovuto essere peraltro candidato al Parlamento italiano. Della sua mancata candidatura sarà sempre responsabile il Pd”.

 

Italia Nostra – Consiglio Regionale Sicilia

Il saluto e i ringraziamenti del presidente del Parco dei Nebrodi e di Federparchi Sicilia Giuseppe Antoci:

scarica il pdf Antoci saluta e ringrazia_2018

Italia Nostra Onlus