19-01-2018

Torre Ravaschiera di Satriano (Catanzaro): segnalazione per la Lista Rossa

Indirizzo/Località: via Cassiodoro, 59 – Località Ravaschiera – Satriano (Catanzaro)

Tipologia generale: opera difensiva e di incastellamento

Tipologia specifica: torre

Configurazione strutturale: torre di avvistamento in stato di forte degrado strutturale

Epoca di costruzione: sec. XVI

Uso attuale: in grave stato di abbandono nonostante le ripetute segnalazioni e la raccolta di oltre 8.000 firme nel 2010

Uso storico: torre di difesa sulla costa calabrese del Regno di Napoli a cui è stato aggiunto un frantoio ad acqua alla fine del XIX sec. La Torre appartiene alla tipologia funzionale cosiddetta “cavallara”,  cioè di allarme

Condizione giuridica: proprietà privata, sottoposta a vincolo

Segnalazione: del 10 gennaio 2018 – segnalazione della sezione di Crotone di Italia Nostra – crotone@italianostra.org

Motivazione della scelta: La torre Ancinale o Ravaschiera era una torre cavallara. Oggi è proprietà privata ma, paradossalmente, il vincolo non impedisce l’abbandono e il degrado. Anche il contesto ambientale, già decisamente discutibile, è andato peggiorando con cumuli di spazzatura che offendono il monumento, l’ambiente e i cittadini.

L’azienda produttrice di cementi e calcestruzzo che è stata costruita proprio adiacente all’edificio storico, è stata affiancata da alcune produzioni agricole in serra che, a fronte di un “rischio archeologico” evidente, ha abbassato drasticamente il piano di campagna compromettendo eventuali presenze di resti archeologici, più che plausibili in considerazione del luogo. Il paesaggio fluviale che fino a pochi anni fa ospitava diverse varietà di pesci e uccelli acquatici e che in breve tempo è stato trasformato in discarica.

Annesso alla torre è stato aggiunto successivamente, intorno alla fine del XIX sec., un frantoio ad acqua, com’è facilmente desumibile dalla tipologia, dai resti lignei della macchina ad acqua e del muro di canalizzazione, oltre che dall’unica macina superstite. Il frantoio, malgrado lo stato d’abbandono in cui versa, rappresenta un importante esempio di “Archeologia Industriale” tipicamente mediterranea.

Italia Nostra Onlus