Nazionale

23-03-2011

Tagliare la cultura vuol dire sfregiare la patria

“Il presidente del Consiglio Superiore del Ministero per i Beni Culturali ha detto nella sua lettera di dimissioni: “…ci stiamo allontanando dalla patria, anche quella visibile fatta di paesaggio, storia e arte. Rischiamo di perderla, e non sono passate neppure cinque generazioni dalla fondazione dello Stato italiano”.

I tagli crudeli e ingiustificati, a causa dei quali Andrea Carandini si è dimesso, sono ormai sotto gli occhi di tutti; appare sempre più evidente che lo scopo di questi tagli non è il risparmio ma la punizione dei cervelli e dell’anima di tutti gli italiani. Uno sfregio alla Costituzione e al suo articolo 9 che obbliga la repubblica (cioè tutte le pubbliche amministrazioni, fino all’ultimo dei cittadini) a tutelare “il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione”.

Una parte dell’Italia, il governo e i parlamentari che lo sostengono, stanno suicidando il patrimonio culturale. Un’altra Italia lo difende. In prima linea le centinaia di migliaia di cittadini che fanno parte delle grandi associazioni di tutela , come Italia Nostra. Noi sappiamo bene che il patrimonio culturale è lo specchio della nostra identità di popolo, è il volto della Patria, la sintesi visiva, materiale della nostra civiltà e della nostra unità nazionale. In questi tagli noi vediamo anche un obiettivo delittuoso: annullare l’identità e dunque l’unità del Paese.

In questi tagli, che si sono colpevolmente concentrati sui due ministeri dell’ambiente e della cultura, in questa volontà distruttiva del nostro “bene comune”, è presente anche un suicidio economico. Noi di Italia Nostra siamo infatti convinti che il patrimonio culturale possa contribuire in modo determinante a un nuovo modello di sviluppo umano, che ha come obiettivo l’aumento del benessere comune, nel mantenimento dell’equilibrio tra uomo e natura, tra territorio e produzione; un modello di sviluppo fondato sulla conoscenza e la creatività, sul nostro patrimonio culturale quale nostro primario “bene comune”, sulla qualità e non sulla quantità, sulla cooperazione e la solidarietà piuttosto che sulla competizione e lo sfruttamento terminale dei beni comuni. La speranza di sviluppare nel nostro Paese questo nuovo modello economico sta soprattutto nella ripresa di possesso del patrimonio culturale da parte delle giovani generazioni: è per i loro diritti e per quelli delle generazioni future che noi ci battiamo oggi.

Alessandra Mottola Molfino
Presidente nazionale di Italia Nostra

Commenti

2 commenti a “Tagliare la cultura vuol dire sfregiare la patria”

  1. Duclot ha detto:

    Una vigliaccheria questa politica, gravissima per il futuro…
    Speriamo un cambiamento, fra poco tempo.

    Bernard
    Sto imparando l’Italiano

    France

  2. laura falaschi ha detto:

    Purtroppo è un dato di fatto che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni.Sono una docente di storia dell’arte e anche questa materia è stata drasticamente ridotta nelle nostre scuole. Nell’Istituto Tecnico per il Turismo con la Riforma rimane solo nel triennio ed è abolita al biennio perchè non inserita tra le materie formative. In contemporanea il nostro vasto patrimonio culturale è l’asse portante di tanti interessanti progetti che ci vengono continuamente proposti ed a cui partecipiamo con sempre più difficoltà dato che ci stiamo estinguendo…come ore e come docenti della materia!!!

Lascia un commento

Italia Nostra Onlus