Comunicati

20-12-2012

7 azioni prioritarie per il Piano d’Azione Nazionale (PAN) sull’uso sostenibile dei pesticidi

7 azioni prioritarie da proporre per il Piano d’Azione Nazionale (PAN) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, in occasione della consultazione pubblica, approvata dai Ministeri dell’Ambiente, delle Politiche Agricole e della Salute che si concluderà il 31 dicembre. Ad individuare i punti nodali è stato un ampio schieramento di organizzazioni, presenti questa mattina al convegno “Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei pesticidi” organizzato da AIAB, FIRAB, Legambiente, Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, Fai, UpBio, Federbio, Italia Nostra, Lipu, Mdc, Pro Natura – Federazione Nazionale, SIEP, Slow Food Italia, TCI, Unaapi, WWF.

Le organizzazioni di rappresentanza di interessi molteplici intendono accendere i riflettori sull’intero percorso di recepimento della Direttiva UE sull’Uso sostenibile dei pesticidi, come è previsto dalla consultazione, richiamando principi e obiettivi generali di interesse per l’intera collettività. Nell’utilizzo dei prodotti fitosanitari in agricoltura ci sono, infatti, misure e percorsi che dovrebbero essere adottati per coniugare la tutela della qualità agroambientale, la sicurezza alimentare, la salute dei consumatori e degli operatori agricoli in un quadro di compatibilità ambientale con l’impiego di prodotti chimici di sintesi. Per far sì che questo avvenga è necessario introdurre questi punti focali nella bozza del Piano d’Azione Nazionale:

Le finalità del PAN

Il PAN deve individuare azioni concrete e misurabili, definendo obiettivi quantitativi di riduzione dell’impiego di pesticidi. Tali obiettivi devono essere semplici, accompagnati da indicatori efficaci e facilmente monitorabili, semplicemente comunicabili agli operatori e ai cittadini, come tra l’altro previsto dagli art. 7 e 10 della Direttiva UE… (continua a leggere il comunicato stampa)

________________________________________________________________________________________

Per approfondimenti leggi il documento congiunto:

Osservazioni generali su Bozza di PAN per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Il processo di recepimento italiano della Direttiva 2009/128/Ce del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 e di redazione della bozza di Piano di Azione Nazionale (PAN) ha prodotto un significativo arretramento nei termini di protezione ambientale, della salute pubblica e della tutela delle produzioni di qualità certificata, quali quelle biologiche, rispetto a quanto indicato dal legislatore europeo. Questo avviene sul piano degli indirizzi strategici, delle modalità applicative e di monitoraggio. Non ultimo, si esplica anche sul piano lessicale visto che il PAN richiama “prodotti fitosanitari”, laddove la direttiva fa chiaramente riferimento fin dal titolo a un “quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei pesticidi”, ripreso nell’art 1 del d.lgs di recepimento indicando all’Oggetto che “il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari”.
L’appropriato, de jure e de facto, termine “pesticidi” viene dunque sistematicamente ignorato per ricorrere alla più neutra e inoffensiva espressione “prodotti fitosanitari”. Le uniche eccezioni sono nel richiamo della “Strategia tematica per l’uso sostenibile dei pesticidi” elaborata da Parlamento Europeo e Consiglio o del Sistema Informativo Nazionale per la Sorveglianza delle Intossicazioni Acute da Pesticidi (SIN-SIAP), Sistema che rischia quasi di essere svuotato di senso nello slittamento semantico che la bozza di PAN determina… (continua a leggere il documento)

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Italia Nostra Onlus