News dal territorio

16-09-2020

A Ghilarza 126 alberi in pericolo!

A Ghilarza si tagliano gli alberi perché sporcano il campo sportivo. Italia Nostra Sardegna è fortemente interessata alla tutela e alla difesa del verde pubblico cittadino, una componente indispensabile per rendere le nostre città più vivibili e sostenibili. Siamo convinti che ogni angolo di verde dentro il perimetro urbano, ma anche il singolo albero, è un angolo di natura che ci sostiene e protegge, combatte il degrado e l’inquinamento, valorizza il nostro territorio e favorisce la crescita culturale, la sensibilità ambientale e le relazioni sociali.

Animati da questo spirito abbiamo inviato una lettera al sindaco di Ghilarza, con l’intento di impedire il taglio di ben 126 alberi di alto fusto presenti nel perimetro urbano del comune di Ghilarza. Con la delibera della Giunta Municipale n. 90 del 04/08/2020, l’Amministrazione comunale ha infatti deciso di abbattere gli alberi, nonostante godano di ottima salute. Infatti, da quanto si legge nella perizia tecnica redatta dal geometra comunale, l’unica colpa degli alberi è di essere “cresciuti a dismisura” e di “causare problemi di pulizia al campo sportivo a causa della perdita del fogliame”.

Sembrerebbe che questi alberi debbano essere abbattuti per il solo fatto di essere degli alberi! L’Associazione, nel ribadire che la sicurezza dei cittadini è senza dubbio una priorità inderogabile, ha ricordato al sindaco che gli alberi ammalati, qualora ce ne fossero, si possono curare e che un intervento di abbattimento sistematico degli alberi non è proponibile. Sarebbe auspicabile che prima del taglio si procedesse pertanto ad un attento esame del verde pubblico interessato, ad una eventuale cura o trattamento periodico, adottando misure necessarie in casi di imminente pericolo di schianto – realizzando strutture di sostegno per gli esemplari più precari dal punto di vista della stabilità strutturale – intervenendo con potature di riordino della chioma o posizionando tiranti per stabilizzare l’albero, migliorando la qualità del terreno, anche apportandone di nuovo e effettuando cicli di concimazione. Solo in casi eccezionali gli alberi compromessi o senescenti e malati andrebbero sostituiti piantando nuovi esemplari, ma non prima di aver attivato un costante monitoraggio per verificare l’evoluzione della alberatura nel suo complesso e di ciascun esemplare nello specifico.

Italia Nostra Sardegna ha inoltre suggerito all’Amministrazione Comunale di Cuglieri un’attenta applicazione delle “Linee guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile” redatte dal Comitato per lo sviluppo del Verde Pubblico insediato dal Ministero dell’Ambiente e dell‘art. 6 della legge n° 10/2013 che detta norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani da parte degli Enti Pubblici chiamati a “promuovere l’incremento degli spazi verdi urbani, di «cinture verdi» intorno alle conurbazioni per delimitare gli spazi urbani, adottando misure per la formazione del personale e l’elaborazione di capitolati finalizzati alla migliore utilizzazione e manutenzione delle aree, e adottare misure volte a favorire il risparmio e l’efficienza energetica, l’assorbimento delle polveri sottili e a ridurre l’effetto «isola di calore estiva», favorendo al contempo una regolare raccolta delle acque piovane … “ Le aree verdi urbane rappresentano uno dei principali parametri per determinare il livello di qualità della vita nelle nostre città. I parchi e le aree verdi, comprese aiuole e alberature stradali, ricoprono infatti importanti funzioni ecologiche e sociali. Esse migliorano l’effetto ornamentale, paesaggistico e biologico dei centri urbani e rendono gradevole e accogliente l’aspetto cittadino partecipando alla qualificazione del contesto urbano e al miglioramento del benessere dei cittadini.

Li 16 settembre 2020

Italia Nostra Sardegna

Per informazioni:

https://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/comitato%20verde%20pubblico/lineeguida_finale_25_magg io_17.pdf

CS_VerdeUrbano_Ghilarza

Italia Nostra Onlus