News dal territorio

25-03-2020

Ancona: liberare il Molo Clementino dalle navi da crociera

Ancona: liberare il Molo Clementino dalle navi da crociera. E’ questo il messaggio che il coordinamento comitato porto storico Ancona e il direttivo Italia Nostra della sezione di Ancona hanno inviato agli enti competenti con la richiesta di liberare il porto storico. “Il presidente della Autorità Portuale, in una recente intervista, ha comunicato la intenzione di MSC di riprendere le crociere l’8 maggio ed ha affermato che il “compito della autorità portuale è farsi trovare pronti alla ripresa rafforzando le infrastrutture, risultato che richiede l’accelerazione di tutto il percorso autorizzativo in una ottica di flessibilità intelligente ed adattabilità ad un mercato che sta profondamente cambiando” – hanno sottolineato i rappresentanti delle due associazioni nella nota diffusa a mezzo stampa – Il mercato sta senz’altro cambiando, ad esempio per le crociere che, dopo quello a cui si sta assistendo, crediamo avrà una caduta notevolissima di lunga durata. Quindi, se c’è da accelerare percorsi autorizzativi, ci si deve riferire a quanto previsto dal Piano del Porto con lo spostamento dei traghetti, liberando il porto storico e portando avanti il completamento della banchina Marche, in grave ritardo e puntare sulla realizzazione della cosiddetta “penisola” insieme alla elettrificazione delle banchine. Un eventuale riferimento alla banchina al Molo Clementino per le navi da crociere crediamo che sia superato dagli eventi e che il progetto debba essere rivalutato anche in considerazione delle problematiche di inquinamento che andrebbero ulteriormente ad aggravarsi  – concludono – con la realizzazione dell’Home Port per le crociere al Molo Clementino, come è facilmente intuibile.”

 

Italia Nostra Onlus