Italia Nostra

Data: 13 Luglio 2016

Arcipelago Toscano: due nuovi appuntamenti con archeologia, passato marinaro, dei mari e sui mari

Il nostro passato marinaro, dei mari e sui mari, l’Arcipelago Toscano frequentato dalla preistoria fino ai giorni nostri in maniera ininterrotta, l’importanza della nostra rada di Portoferraio, i nostri litorali, il valore del nostro paesaggio sul mare… Ecco l’ispirazione per due nuovi appuntamenti con l’archeologia.

Si tratta di appuntamenti non casuali, ma nati dal rispetto verso il mare. Oggi si parla tanto della nuova portualità, ma l’ammodernamento dei nostri porti commerciali, già decisi, già finanziati, non può prescindere da un’attenzione maggiore al nostro passato. Conoscere il passato significa costruire meglio il proprio futuro: è la conoscenza che può dare forza e armonia alle nuove proposte.

 

Giovedì 14 alle 21,30 negli spazi della Linguella a Portoferraio l’archeologa Lorella Alderighi, della Soprintendenza Archeologia della Toscana, accompagnerà il pubblico in un “gran tour” nell’Arcipelago Toscano, con una conversazione sulle ville marittime romane in alcune isole, mentre l’archeologa Laura Pagliantini condurrà una visita guidata della Villa della Linguella e narrerà della Villa delle Grotte. Lo storico Gianfranco Vanagolli racconterà della Villa romana di Cavo.

 

Tutte di epoca augustea, le Ville hanno un passato prestigioso e si trovano in posizioni panoramiche meravigliose. Conosciamo bene la Villa romana delle Grotte, che consideriamo, noi elbani, un sito amico, di antiche frequentazioni e consuetudini familiari. Siamo incuriositi dagli ultimi mosaici alla Villa della Linguella. Abbiamo però difficoltà a cercare le tracce di quella di Cavo, per tanti anni quasi dimenticata. Siamo attratti dal fascino delle rovine dei Bagni di Agrippa a Pianosa. Ma quanti sanno che c’è una Villa anche a Gorgona, e a Capraia? Chi ha visitato la sontuosa Villa di Giannutri, da poco restaurata dalla Soprintendenza Archeologia in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, come illustrato recentemente durante una conferenza a Forte Inglese? Chi, al Giglio, non ha fatto il bagno nell’antica peschiera della villa romana?

 

Mercoledi 13 alle 21, nella Piazzetta del Museo Minerario di Rio Marina, il direttore del Museo di Pyrgi-Santa Severa, il “Museo del Mare e della Navigazione Antica”, ci porterà sulle rotte ai confini del mondo e del mare, nelle navigazioni oceaniche di Greci, Fenici e Romani. Quel museo, che compie 24 anni dalla sua prima istituzione come Antiquarium Navale, è stato illustrato più volte al pubblico da note trasmissioni televisive come Linea Blu, Geo&Geo e da Superquark di Piero e Alberto Angela, come Museo dinamico e nuovo punto di riferimento scientifico e culturale.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra