Foto del giorno

Data: 1 Dicembre 2021

La ‘Nuova Mestre’ e il Pnrr

 

 

Sulle preziose aree della gronda lagunare, a nord di Venezia, scampate alle trasformazioni in strutture portuali e industriali degli anni Venti e Trenta del secolo scorso, nei prossimi anni è previsto un insediamento di servizi e attività nei settori trasportistico, sportivo, commerciale e turistico. Si tratta di una vera e propria espansione verso nord della città di Mestre.

Ai singoli frammenti di questo ‘mosaico’ di nuova cementificazione è dedicata una visita organizzata dalla Sezione di Venezia di Italia Nostra per sabato 4 dicembre 2021.

I territori interessati da questi interventi sono luoghi unici, tra foci di fiumi, paesaggi di bonifica, aree archeologiche e antiche fortificazioni, popolati da una fauna straordinaria (lepri, volpi, fagiani, garzette, aironi rossi e cenerini, ecc.), ritornata ad abitare questi luoghi in seguito alle limitazioni dell’uso di pesticidi e concimi chimici avviate negli anni Ottanta.

Anche dal punto di vista della tutela si tratta di ambiti preziosi, fortemente compenetrati nel sito Unesco “Venezia e la sua Laguna” e in cui sono presenti:

– aree dichiarate di notevole interesse pubblico ex D.M. 1° agosto 1985;

– zone caratterizzate da un elevato rischio archeologico per la presenza dei resti delle strutture urbane e periurbane dell’antica città di Altino e della strada consolare romana “Annia”;

–  corsi d’acqua con vasti ambiti di tutela paesaggistica come i fiumi Dese e Zero.

Gli interventi che si prefigurano comprendono: la seconda pista dell’aeroporto Marco Polo, il nuovo stadio del Venezia Calcio e la cittadella dello sport (con palasport, piscina olimpionica e varie altre strutture sportive), il Quadrante di Tessera, l’Alta Velocità ferroviaria, nuovi parcheggi e centri commerciali e alberghi.

Si tratta purtroppo di una sorta di “quadratura del cerchio”: il completamento del grande progetto – avviato da Giuseppe Volpi e Vittorio Cini fra le due Guerre – di modernizzazione, urbanizzazione e cementificazione degli ambiti lagunari di terraferma.

Quelle che vengono proposte come opere volano di sviluppo economico e di occupazione contravvengono i basilari principi, ormai consolidatisi in Europa, sulla riduzione del consumo del suolo, ingannando anche le nuove generazioni che, come i ragazzi di “Fridays for Future”, chiedono più rispetto per l’ambiente e un futuro basato sull’economia circolare.

Addirittura per almeno due di queste realizzazioni è stato richiesto l’intervento proprio del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza):

1. il collegamento di Alta Velocità ferroviaria con l’aeroporto di Venezia, inserito appunto fra le opere finanziate dal Pnrr. Prevede quattro km di tunnel sotterraneo all’interno del sito Unesco, in una zona geomorfologica delicatissima ricca di paleoalvei di fiumi e in stretta relazione idrogeologica con la Laguna di Venezia. Il passaggio della ferrovia, inoltre, comporterà la demolizione del borgo storico di Ca’ Litomarino, tipico esempio di architettura rurale tradizionale veneta dei territori di bonifica, contro la cui distruzione ha preso posizione anche il Ministro della Cultura Franceschini in sede di Cipess.

2. i fondi del Pnrr sono stati chiesti anche per finanziare la progettazione della cittadella dello sport, con i suoi 33 ettari (minimo) di nuova edificazione (stadio, palasport, piscina olimpionica, ecc.), parcheggi e nuova viabilità.

3. è verosimile, ma non ancora deciso, che il Pnrr intervenga anche per l’ampliamento e l’ammodernamento dell’aeroporto di Venezia: il 26 novembre la società di gestione aeroportuale si è lamentata sulle pagine dei principali quotidiani veneti di essere stata ignorata dalla programmazione del Governo. Probabilmente qualcuno a Roma recepirà il “grido di dolore” e provvederà a colmare la lacuna.

L’idea di realizzare una ‘Nuova Mestre’ a nord di Venezia non è nuova: queste scelte urbanistiche trovano la loro genesi nelle giunte che hanno governato la Città per decenni (il c.d. ‘Quadrante di Tessera’ è inserito a tutti gli effetti all’interno del Pat vigente) e prima ancora nella ‘Prima Repubblica profonda’ e nella volontà di Gianni De Michelis di realizzare a Tessera l’Expo del 2000.

Che tutto questo venga realizzato con i finanziamenti Pnrr, destinati alla sostenibilità, alla transizione verso l’economia circolare e allo sviluppo green, appare quanto meno bizzarro.

 

Il Consiglio direttivo della Sezione di Venezia di Italia Nostra

 

Per ulteriori approfondimenti:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per leggere la notizia sulla stampa:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per vedere il video della manifestazione:

cliccare qui

Per leggere l’articolo relativo:

qui

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra