Italia Nostra

Data: 13 Maggio 2013

Sul confine del regno angioino: Salaria, rocche e santuari

Domenica 19 maggio 2013 l’appuntamento con le Domeniche Culturali di Ancona sarà: “Sul confine del regno angioino: Salaria, rocche e santuari”

PROGRAMMA -La visita ci porta nel Lazio nell’alta valle del fiume Velino, lungo la via Salaria. Questa area rappresentò la massima espansione verso nordest del Regno Angioino tra il XIII ed il XIV secolo di cui rimangono interessanti tracce. Visiteremo il comune di Cittareale, antico insediamento fortificato con la rocca, opera architettonica militare che risale all’epoca sveva di Federico II e nota da sempre come la rocca di Re Manfredi (la leggenda dice che lì fu seppellito alla morte), borgo rifondato dai re Angioini; il museo archeologico che contiene i reperti, numerosi, delle ultime campagne di scavo in località Pallottini dove fu ritrovata una ampia struttura di età repubblicana (100 a.C.), una necropoli di 52 tombe, una villa di grandi dimensioni, molto lussuosa che accredita che a Falacrinae, antico nome di Cittareale, come affermato da Svetonio nacque l’imperatore Vespasiano della famiglia Flavia; il Santuario della Madonna di Capodacqua di antichissima origine (1153 d.C.).Da qui ci recheremo a Borbona, altro antico paese ricostruito dopo il terremoto del 1703, dove visiteremo.la Collegiale o parrocchiale di S. Croce, datata 1561 e ricostruita nel 1732 quando fu riconsacrata. Conserva un altare barocco del 1700 con la statua di Santa Restituta e un bassorilievo del 1100, la chiesa di S. Anna e poi la Chiesa di Santa Maria Assunta ove, apposta per noi, verrà esposta in una teca blindata. la Croce processionale di Borbona (1320/30 c.), una delle “più de novanta cruci” che Buccio da Ranallo vide riunite a L’Aquila nel trecento. Ci fermeremo qui a consumare il pranzo, per chi lo vorrà. Nel pomeriggio ritornando indietro ci fermeremo ad Amatrice, su uno sperone di roccia alla confluenza tra il fiume Tronto ed il Castellano, possedimento degli Angiò, degli Aragonesi, dei conti Corsini, dei Medici e poi del Regno di Napoli, conserva il Complesso Monumentale di S. Francesco che comprende l’omonima chiesa (duomo), l’ex convento dei francescani (sec. XIII-XIV) con il magnifico chiostro già in parte restaurato, la chiesa di S. Maria di Porta Ferrata del XVI secolo a pianta ottagonale che ingloba l’omonima porta dell’antica cinta muraria e Porta S. Francesco, anch’essa parte dell’antica cinta muraria di Amatrice. Il programma potrà subire variazioni.La visita si svolge con un numero minimo di adesioni.

ASPETTI ORGANIZZATIVI-Prenotazione e versamento quota adesione obbligatoriamente entro venerdì 17 maggio quando la sede sarà aperta dalle 17.00 alle 19.00. La quota di partecipazione è prevista in € 40/45 euro (a seconda del numero dei partecipanti) e comprende il viaggio in pullman, il resto escluso. Partenza dal Passetto ore 8,00, p.zza Diaz ore 8,05, Archi di via Marconi ora 8,10, Stazione FFSS Ancona ore 8,15, Stazione FFSS Falconara Marittima ore 8,20. Rientro in Ancona in serata per l’ora di cena. Riservata ai soci. Offerta promozionale per i non soci che per la prima volta partecipano alle Domeniche Culturali sconto 50% sulla tessera (€ 17,50).

___________________________________________________________________________________________

Sede in via Bonda, 1/b, 60121 Ancona, tel. & fax  071 56307, cell. 327/8238123, email: ancona@italianostra.org, sito:www.italianostra-ancona.org, Facebook « Italia Nostra Ancona « e »Eventi Italia Nostra

Apertura sede venerdì ore 17-19 e su appuntamento. Contributo 5X1000 CF80078410588

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra