Italia Nostra

Data: 13 Maggio 2020

Occupazioni suolo pubblico: non a spese del paesaggio e superando i vincoli del Codice beni culturali

Italia Nostra ha ampiamente manifestato la propria ferma contrarietà a nuove ipotesi di condono, spacciate come decisione vantaggiosa per la ripresa economica della Nazione. Le proposte circolanti in queste giorni e rilanciate dalla stampa, ci anticipano anche ulteriori minacce ai Beni Culturali e al Paesaggio, tutelati dall’art. 9 della Costituzione e alle regole del vivere civile.

L’Associazione condivide che si conceda agli operatori della ristorazione il beneficio di un aumento temporaneo e gratuito delle superfici all’aperto per gli usi commerciali, ma ciò non può avvenire superando i vincoli monumentali fissati dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio sugli spazi pubblici aperti e le bellezze artistiche dei nostri centri storici e direttamente connessi alle tutele costituzionalmente garantite.

Analogamente, non è ammissibile sottrarre alla pubblica fruizione gli ormai già rari episodi di spiagge libere oggi ancora esistenti sulle coste della Nazione, concedendole ai concessionari privati, a totale discapito delle fasce deboli della popolazione che non vedrebbero più alcuna alternativa alla rinuncia al mare. “L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”. E’ scritto nella nostra Costituzione. Tali scellerate concessioni affermerebbero il primato inaccettabile dell’interesse privato sull’interesse pubblico.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra