Eventi

19-10-2019

Arcipelago Toscano: “Storia, granito e strade”

Continua la meravigliosa collaborazione tra associazioni elbane.  È nato tra noi associazioni culturali, tante, di ogni parte dell’Elba e dell’Arcipelago Toscano, spontaneamente, un modo di collegarsi e operare in rete che si evolve in ogni occasione abbracciando progetti e persone.

ECCONE UN ULTERIORE ESEMPIO, che si avvale della  collaborazione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano:

Inaugurazione del progetto “Storia Granito e Strade”
e presentazione del libro sulle formazioni rocciose dell’Elba occidentale di Silvestre Ferruzzi

Comunicato stampa del Circolo Le Macinelle

Negli ultimi anni San Piero è diventato l’espressione del tentativo di  valorizzare aspetti dell’Isola d’Elba alternativi al turismo balneare.  Il paese di San Piero è l’esempio vivo e fulgido delle numerose bellezze  storiche e culturali pronte a farsi conoscere da coloro che si avventurano su sentieri e strade meno battute dell’Isola.

Questa consapevolezza ha mosso nelle associazioni del territorio che, in forme diverse, hanno lavorato per promuovere la storia e le ricchezze del paese ed il presente progetto si pone in continuità con questi sforzi.
Il MUM, le vie del granito, il Museo  diffuso del granito di recente inaugurazione, sono solo alcuni degli esempi che con questa iniziativa vogliamo valorizzare e potenziare.

Il progetto “Strade Granito e Storia” si pone, infatti, l’obiettivo di costruire, coinvolgendo le forze attive di San Piero, momenti di incontro e di approfondimento sulla storia del territorio, un percorso articolato lungo i sentieri che circondano il paese, in grado di strutturare una storia a tappe, valorizzando quelle già esistenti e aggiungendone di nuove e costruendo un racconto coerente.

Il tutto sarà potenziato con la costruzione di una audioguida multimediale ad hoc.

Presentazione del libro sulle formazioni rocciose dell’Elba occidentale
Silvestre Ferruzzi

«Nullum est sine nomine saxum» («Non c’è pietra che non abbia un nome»): con questa frase del poeta latino Marco Anneo Lucano si apre, edito da Persephone Edizioni, il libro «Formazioni rocciose dell’Elba occidentale» scritto da Silvestre Ferruzzi con la collaborazione di Alberto Batignani e Fausto Carpinacci. «Cote», «tozze», «lisce», «sassi» e «pinzaloni»; con questi nomi, che conservano l’asprezza dei monti elbani occidentali, venivano e vengono ancora chiamate le bizzarre formazioni rocciose che costellano ogni vallata, ogni cresta del Monte Capanne. Furono presenze rassicuranti per gli uomini di ogni tempo, che le usarono probabilmente come segnali per la divinità e poi, molto più avanti, come prosaici segnacoli naturali per delimitare il pascolo delle capre. Alcune di esse, come la Cote a Mezzigiorno e la Cote dell’Undici, funsero da meridiane naturali per i contadini elbani.

In ogni caso, le formazioni rocciose dell’Elba occidentale hanno in ogni tempo attirato l’attenzione e la curiosità degli elbani e dei «foresti»; tralasciando i significati cultuali che popolazioni protostoriche avranno certo attribuito ad esse, bisogna giungere al Settecento per avere consapevolezza dell’importanza scientifica rivestita da questi «scherzi» della natura, ora traforati in mille ricami dall’erosione di pioggia e vento, ora compatti e monolitici.

Nel volume – di 142 pagine – sono riportate le schedature di 105 formazioni rocciose «storiche», ovvero attestate da documenti o tradizioni orali antecedenti la metà del Novecento; tra esse si ricordanoCote Alta, Cote di Baianella, Cote Bezzicata, Cote al Galletto, Cote del Giovannini, Cote Làpida, Cote di Liborio, Cote alla Muta, Cote dell’Orbo, Cote di Pallinetto, Cote Pinzuta, Cote di Poncio, Cote del Pra’ di Tommeo,Cote Ritonda, Cote Ritta, Cote Rossa, Cote della Scarza, Cote alla Scopa, Cote Spaccata, Cote Tombolata, Cote di Trana, Pietra Caldaia, Pietra Rossa, Pietra Venaia, Sasso Basso, Sasso del Malpasso, Sasso Pinzuto, Tozza alla Croce, Tozza alla Noce, Tozza al Pròtano, Tozza ai Quattrini, Altarini, Acchiappacavalli, Ciottolone, Coppa al Nappo, Nido, Tole.

Il testo comprende infine note storiche sulle rocce dell’Elba occidentale scritte da illustri geologi e mineralogisti come Gerhard von Rath, Igino Cocchi e Piero Aloisi.

Italia Nostra Onlus