LISTA ROSSA ITALIA NOSTRA

Stemma monumentale di Carlo V e del Viceré Don Pedro da Toledo (KR)

Autore segnalazioneSegnalazione del 3 novembre 2016 – Sezione di Crotone di Italia Nostra – crotone@italianostra.org
Data aggiornamento20/10/2021
Denominazione beneStemma monumentale di Carlo V e del Viceré Don Pedro da Toledo (KR)
RegioneCalabria
ProvinciaCrotone
ComuneCrotone
IndirizzoVia Generale Tellini, 88900 Crotone KR
Indirizzo di georeferenziazione (da Google MAPS) 39.07926733112029, 17.129626084542995
CategoriaBeni culturali
Categoria specialistica bene culturaleCastello, Cinta muraria, Scultura
Inserire immagine 1-20.jpg
Descrizione immagineFotografia dello stemma apposto sulla fortificazione
Inserire immagine stemma-crotone-768x899-1.jpg
Descrizione immagineFotografia dello stemma apposto sulla fortificazione
Inserire immagine 2-22.jpg
Descrizione immagineDettaglio dello stemma
Descrizione generale del bene

Le armi di Carlo V e del Viceré Don Pedro da Toledo sono affisse sul bastione della cinta muraria di Crotone. La scultura, realizzata in pietra arenaria, raffigura le armi gentilizie in un'edicola bidimensionale: superiormente, lo stemma reale è serrato tra due paraste con base e capitello a sostegno della cornice, poggianti sul podio; al di sotto è visibile il secondo stemma, di dimensioni più contenute, affiancato dal motivo ornamentale a girali di acanto con rosette.

Interesse culturale del bene (c.d. vincolo)
Tipo interesse

Il bene architettonico, con numero identificativo 3110540 e denominazione “Stemma Carlo V e don Pedro di Toledo”, è di “interesse culturale dichiarato” ai sensi della art. 12, D. Lgs. 42/2004 con vincolo in data 26-10-2018. Ente competente: Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone.

Allega documento. L’allegato è riferito a documentazione ufficiale riferita al vincolo/descrizione dell’interesse culturale. DettaglioBene-2.pdf
Interesse pubblico del bene

Il bene costituisce una testimonianza importante delle vicende storiche vissute dalla antica città di Crotone. Inoltre, lo stemma è da considerarsi uno degli esempi più imponenti e maggiori per dimensioni in Europa.

Periodo di realizzazioneXVI secolo
Funzione in passato

Nell’aprile 1546 è stipulato il contratto, presso il notaio Bernardino de Nola di Crotone, tra il commissario generale della Regia Fabrica di Crotone, il capitano Gaspar de Mardones, e i mastri scalpellini Bartolomeo Fiorentino e Carlo Mannarino di Catanzaro. Il documento riporta che i due artigiani devono eseguire l'effige attenendosi scrupolosamente a dati metrici precisi per quel che riguarda le forme e le dimensioni.

Elementi di rilievo dal punto di vista storico-documentale

Lo stemma ricorda le opere eseguite da Carlo V e dal vicerè Don Pedro di Toledo per rinforzare le difese di Crotone a partire dal 1546, in risposta alle ripetute incursioni saracene. Queste opere di fortificazione impegnarono l'intera comunità che offrì materie prime e maestranze.

Nome autoreDomenico
Cognome autoreMarino
TitoloNuove indagini al Castello di Crotone
Anno2011
InAnanke 64, 2011, pp. 145–153.
Sito/URLhttp://vincoliinrete.beniculturali.it/VincoliInRete/vir/bene/dettagliobene3110540#
Sito/URLhttp://www.archiviostoricocrotone.it/luomo-medievale-e-moderno/la-costruzione-degli-stemmi-di-carlo-v-e-di-don-pedro-de-toledo/
Sito/URLhttp://www.archiviostoricocrotone.it/chiese-e-castelli/nuove-ricerche-sul-castello-di-crotone/
Stato di conservazionePessimo
Motivazioni del degradoAspetti strutturali (fratture), Superficiali (umidità), Superficiali (vegetazione), Generali (abbandono)
Descrizione dello stato di conservazione

Lo stemma si presenta in cattivo stato di conservazione, in quanto la pietra arenaria da cui è formato è in stato di degrado, fortemente erosa e disconnessa a causa della vegetazione infestante. Nel tempo, si sono perse alcune parti del modellato dell'effige.

ProprietàSoggetto pubblico
Tipologia soggetto pubblicoComune
Funzione attuale del bene

Nel 2018 è stato posto il vincolo monumentale sul bene, ma non sono stati presi provvedimenti per il suo restauro.

Eventuali progetti finalizzati al recupero/riutilizzo:Nel 2018 è stato posto il vincolo monumentale sul bene, ma non sono stati presi provvedimenti per il suo restauro.
E’ raggiungibile da una strada?
E’ raggiungibile da un sentiero?No
E’ possibile avvicinarsi?
E’ possibile accedere all’interno?No
E' aperto al pubblico?
Altre notearch. Gilberto De Giusti

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra