LISTA ROSSA ITALIA NOSTRA

Villa Obizza (CR)

Autore segnalazioneSegnalazione del 17 aprile 2019 – listarossa@italianostra.org
Data aggiornamento08/10/2021
Denominazione beneVilla Obizza (CR)
RegioneLombardia
ProvinciaCremona
ComuneRicengo
LocalitàBottaiano
IndirizzoSP16, 15-17, 26010 Camisano CR
Indirizzo di georeferenziazione (da Google MAPS) 45.422776004455606, 9.74361123500005
CategoriaBeni culturali
Categoria specialistica bene culturaleArchitettura rurale, Edificio produttivo, Edificio residenziale, Palazzo, Villa
Inserire immagine Cremona1a.jpg
Descrizione immagineFacciata della villa Obizza prima del crollo
Inserire immagine Cremona.jpg
Descrizione immagineVeduta della villa Obizza prima del crollo
Descrizione generale del bene

La settecentesca Villa Obizza si trova nelle campagne di Ricengo, in una zona agricola in cui sono presenti molti insediamenti produttivi e industriali. Il complesso si componeva di tre corpi di fabbrica incernierati dal palazzo gentilizio posto in asse con il portale d'ingresso dalla strada; tuttavia, questa costruzione centrale è crollata nel 2020, per cui a oggi restano solamente i bracci laterali di servizio e il varco monumentale sulla via antistante, anche essi molto deteriorati e in pessimo stato di conservazione.

Presenza di elementi di pregio

A seguito del crollo dell'edificio principale della villa, l'apparato decorativo è andato irrimediabilmente perso. Si segnala il portale d'ingresso sulla strada, definito dall'arco impostato sull'ordine minore e inquadrato da quello maggiore di paraste tuscaniche, mentre al di sopra della trabeazione, è presente il timpano semicircolare.

Interesse culturale del bene (c.d. vincolo)
Tipo interesse

La villa, con numero identificativo 262070 e denominazione “Villa Obizzi ora Monticelli”, è soggetta a vincolo ai sensi della L. 1089/1939 art. 71 con decreto del 12-05-1951 e della L. 364/1909 art. 5 con decreto del 01-07-1919, del 08-03-1913 e del 21-04-1922. Ente competente: Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova.

Allega documento. L’allegato è riferito a documentazione ufficiale riferita al vincolo/descrizione dell’interesse culturale. DettaglioBene1_merged.pdf
Interesse pubblico del bene

Il complesso, purtroppo ora irrimediabilmente lacunoso nel suo impianto originario, costituisce un prezioso esempio di villa veneta in area lombarda, definita quindi dalla duplice funzione residenziale e di produzione agricola.

Periodo di realizzazioneXVII-XVIII secolo
Funzione in passato

Voluta dal consigliere Giò Matteo Obizzi, la residenza di campagna è ultimata nel 1702. Nella prima metà del XIX secolo la villa diviene di proprietà della famiglia Monticelli, subendo successivamente diversi passaggi di proprietà. Gli eredi ne spostano il prezioso l'arredo altrove. L'edificio principale resta disabitato, divenendo deposito delle derrate agricole nel 1912, mentre nelle dipendenze è esercitata l'attività agricola fino all'epoca odierna. Nel 1988, il crollo del tetto determina una grave lesione strutturale nell'edificio padronale, crollato nel 2019.

Elementi di rilievo dal punto di vista storico-documentale

Il complesso costituisce un prezioso documento della tipologia della villa palladiana in area lombarda.

Caricamento elaborati images.jpg
Fonte elaboratoMario Cassi, Villa Obizza. Una nobile dimora di campagna nel Cremasco
Nome autoreMario
Cognome autoreCassi
TitoloVilla Obizza. Una nobile dimora di campagna nel Cremasco
Nome autoreCarlo
Cognome autoreDusi
TitoloVilla Obizza tra emergenza e conoscenza. Il cantiere per le opere di salvaguardia delle strutture.
Sito/URLhttp://vincoliinrete.beniculturali.it/VincoliInRete/vir/bene/dettagliobene262070
Sito/URLhttps://web.archive.org/web/20080906174006/http://www.araldo-crema.org/Aggiornamenti_Obiza.htm
Sito/URLhttp://www.villaobizza.it/
Stato di conservazionePessimo
Motivazioni del degradoAspetti strutturali (fratture), Aspetti strutturali (crolli), Aspetti strutturali (mancanza di tetto), Superficiali (umidità), Superficiali (vegetazione), Superficiali (mancanza di intonaco.), Generali (abbandono), Uomo (finestre rotte)
Descrizione dello stato di conservazione

La villa Obizza è in pessimo stato di conservazione. L'edificio padronale, infatti, è crollato nel 2019, lasciando una lacuna gravissima nella lettura dell'impianto architettonico. Le restanti parti del complesso, ovvero gli edifici rustici e il portale d'ingresso, presentano lesioni e problematiche da un punto di vista strutturale. Il giardino antico ha ormai perso la sua configurazione.

ProprietàSoggetto privato
Tipologia soggetto privatoFondazioni
Funzione attuale del beneIn stato di abbandono.
Eventuali progetti finalizzati al recupero/riutilizzo:

Nel 2007 si è costituita la Fondazione “Villa Obizza”, con l'intento di promuovere il restauro della villa nel quadro di un più ampio sviluppo del territorio. Nello stesso anno, il Ministero stanzia 200.000 euro per la messa in sicurezza del complesso.

Eventuali proposte di riutilizzo:Non si riscontrano proposte per il riutilizzo.
E’ raggiungibile da una strada?
E’ raggiungibile da un sentiero?No
E’ possibile avvicinarsi?No
E’ possibile accedere all’interno?No
IndicazioniA causa dei gravi problemi strutturali, la villa è transennata e inaccessibile.
E' aperto al pubblico?No
Altre notearch. Gilberto De Giusti

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra