Le campagne

Data: 2 Dicembre 2020

Palazzo Medici Clarelli a Roma: segnalazione per la lista rossa

Palazzo Medici Clarelli a Roma

Palazzo Medici Clarelli a Roma

Indirizzo/Località: Via Giulia 79  –  Roma

Tipologia generale: Palazzo gentilizio o nobiliare

Tipologia specifica: palazzo

Configurazione strutturale: edificio realizzato in muratura portante e solai in legno, risulta edificato verso la metà del ‘500 con un successivo ampliamento nel XVII secolo e si sviluppa su cinque livelli fuori terra, oltre ad un piano interrato

Epoca di costruzione: sec. XVI

Comprende: immobile di particolare pregio architettonico ed artistico per la presenza di numerosi affreschi nonché di bassorilievi di epoca romana rinvenuti nell’interrato

Uso attuale: venduto della sua piena proprietà con bando pubblico attraverso la piattaforma di investimenti immobiliari pubblici Invest in Italy (progetto è realizzato nel quadro delle iniziative previste dal decreto “Sblocca Italia”). Ora di proprietà di una immobiliare che deve realizzare un albergo di 60 posti con una spa nel sottosuolo, a rischio archeologico

Uso storico: opera di Antonio da Sangallo il giovane, è stata la dimora romana di Cosimo II de’ Medici

Condizione giuridica: immobile vincolato ai sensi del Codice Dlgs 42/04 rientrando tra i beni elencati all’art. 10 co.1.; proprietà privata vincolata alle procedure di dismissione in immobili pubblici storici e di pregio

Segnalazione: del maggio 2020 – segnalazione della Sezione di Roma di Italia Nostra – roma@italianostra.org

Palazzo Medici Clarelli a Roma

Motivazione della scelta

Il Palazzo Medici Clarelli è sito in Roma, nell’ansa barocca, al civico 79 di via Giulia. È stato sede istituzionale del Municipio I Centro Storico. Si tratta di un edificio del XVI secolo, opera di Antonio da Sangallo il giovane, che è stato la dimora romana di Cosimo II de’ Medici. Rappresenta l’ultima traccia pubblica dei Medici nella capitale.

È un immobile di particolare pregio architettonico ed artistico per la presenza di numerosi affreschi nonché di bassorilievi di epoca romana rinvenuti nell’interrato. L’edificio risulta aver avuto un ampliamento nel XVII secolo.

L’immobile è vincolato ai sensi del Codice Dlgs 42/04 rientrando tra i beni elencati all’art. 10 co.1.

Palazzo Medici Clarelli è stato oggetto di una lunga trattativa volta ad alienare l’immobile a privati, per destinarlo ad albergo. Malgrado si trovi in una zona ad altissimo rischio archeologico, il progetto preliminare prevedeva la presenza di una spa nella parte interrata.

A tutt’oggi non è noto lo stato delle trattative per l’alienazione e il progetto che vi si vorrebbe realizzare. Ai sensi dell’art. 55 del Codice, deve essere assicurata, anche in caso di dismissione, la tutela e la valorizzazione in maniera tale da non recare danno alla sua conservazione e autorizzando un utilizzo per il quale non sia pregiudicato il pubblico godimento.

Italia Nostra Roma ha richiesto alla Soprintendenza la verifica delle procedure autorizzative in modo da assicurare il rispetto del Codice e della fruizione pubblica del bene.

Palazzo Medici Clarelli a Roma

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra