News dal territorio

16-10-2018

Comunicato sul procedimento relativo agli sversamenti nei lavori di costruzione della Valdastico sud

In data 11 ottobre 2018 al tribunale di Vicenza si è tenuta la udienza programmata relativa al lungo iter procedurale riguardante le sostanze inquinanti poste sotto la Valdastico Sud.

Italia Nostra Medio e Basso Vicentino, ancora nel lontano 2009 aveva segnalato ai Sindaci dei comuni di Barbarano e Albettone che odori strani e movimenti notturni di camion nelle prossimità dei Lotti 4,5,6 fossero da collegare con i lavori della costruenda A31 Sud.

Mai è stata data una risposta in merito: nonostante ITALIA NOSTRA abbia cercato con altre modalità di suscitare l’attenzione degli enti competenti.

Le nostre perplessità sul reperimento del materiale non sono mai state prese in considerazione.

Una udienza questa, che ha visto come protagonista il capocantiere del lotto 4 della autostrada il quale ha confermato quanto da noi già evidenziato con le segnalazioni di odori e con foto del materiale scaricato ancora nel 2009, confermate anche dai carotaggi effettuati che hanno rilevato presenza di amianto, cromo esavalente, floruri e scarichi di fonderia.

Non può che indignarci, sentire il modo in cui venivano sversati e spalmati su tutto il manto stradale tali materiali altamente inquinanti in un territorio fortemente antropizzato.

Anzi, testuali parole “il materiale (buono) dalla cava entrava in cantiere e poi veniva portato via e messo l’altro materiale, non idoneo”. In tal modo i documenti di trasporto risultavano regolari e venivano registrati sui documenti di conformità.

Da questa udienza sono emerse tutte le irregolarità delle verifiche, le inadempienze da parte di chi doveva controllare con maggior perizia e coscienza, come affermato dall’allora responsabile ARPAV, per il quale tali controlli venivano spesso fatti su base autocertificativa.

ITALIA NOSTRA esprime tutta amarezza e preoccupazione per quanto sta emergendo da questa inchiesta: aveva intuito quanto stava accadendo, consapevole che spesso queste grandi opere sono l’occasione attesa per permettere affari poco chiari per non dire illeciti, a danno di una intera comunità.

Brendola, 13 Ottobre 2018

 

La Presidente di Italia Nostra Sezione Medio Basso Vicentino

(Valeria Bolla)

Italia Nostra Onlus