Nazionale

23-05-2014

Concorso fotografico di Italia Nostra “Occhi aperti sulla città”

Pubblichiamo i primi 40 lavori fotografici selezionati tra i numerosi pervenuti per il nostro concorso “Occhi aperti sulla città”, concorso rivolto alle nuove generazioni con lo scopo di sensibilizzare lo spirito critico dei giovani e di porre in luce gli elementi di pregio o i fattori di degrado del nostro patrimonio culturale che influiscono sulla qualità della vita urbana. La realizzazione del concorso è stata possibile grazie alla collaborazione delle nostre sezioni sparse sul territorio.

Le fotografie sono state visionate da una giuria interna presieduta dal Presidente nazionale Marco Parini.

Ecco i vincitori:

1° Classificato

Marco Madonia (Caltanissetta) con “Un tocco di colore al degrado”

La fotografia coglie la fantasiosa creatività nel migliorare le condizioni di vivibilità dei luoghi della propria città.

2° Classificato

Giovanni Chillemi (Messina) con “Galleria abbandonata”

L’immagine mostra la capacità di interpretare in maniera poetica gli spazi abbandonati, restituendogli la dignità perduta.

3° Classificato

Noemi Delfino (Andria) con “Vicoli andriesi”

L’immagine sottolinea le modalità d’uso positive dei centri storici.

MENZIONI:

– Ludovica Martino (Messina) con “La zona falcata III foto”

per il forte contenuto di denuncia dell’immagine, sottolineato dal contrasto tra il degrado in primo piano e i monumenti storici sullo sfondo.

– Matilde Mazzaferri (Senigallia) con “Forgetfulness”

per aver rappresentato in modo suggestivo l’oblio e per la resa pittorica della fotografia.

– Loiri Lucchetti (Trieste) con “Rovine romane”

per l’immagine basata sulla resa poetica della luce e sull’indagine spaziale.

|

ECCO LE PRIME 40 FOTOGRAFIE SELEZIONATE (clicca qui)

NB. le fotografie sono state inserite con ordine casuale

Commenti

3 commenti a “Concorso fotografico di Italia Nostra “Occhi aperti sulla città””

  1. mario baruchello ha detto:

    Salva@guarda Bassano è un Premio Fotografico che per il 7° anno la sezione di Bassano del Grappa organizza su temi di tutela ambientale coordinando un network di associazioni culturali. Sono stati editati libri e cataloghi e raccolte circa 2500 foto che costituiscono una ricca testimonianza sul territorio in questi anni.Quest’anno la iniziativa ha voluto coinvolgere in modo perticolare gli studenti e dal 31 maggio 2014 x 1 mese una Mostra Fotografica sarà allestita nelle sale della Biblioteca nel Museo Comunale

  2. Carmine Rega ha detto:

    Abito nel centro storico dell’antichissima e storicissima Albano Laziale. Nel mio condominio , edificio di fine ‘800 con una bellissima scala architettonica sormontata da balaustra antica, scala unica per la sua bellezza e comodità in tutto il centro storico, si sta provando a smantellare il tutto per porre in essere un ascensore per dare in effetti solamente un valore economico in più ai vecchi appartamenti. C’è modo per evitare questo scempio al fine di conservare l’ambiente come in origine? A chi ci si può rivolgere? Saluti e grazie

  3. Amelia Stancanelli ha detto:

    Le due foto dei ragazzi di Messina (Giovanni Chillemi, secondo classificato, e Ludovica Martino, menzione) sono entrambe fortemente significative perché rivelano una forte sensibilità verso il binomio bellezza/degrado che purtroppo ancora domina in tante città italiane, specie del sud.
    Mi fa piacere dire che il concorso di Italia Nostra è stato proposto ai ragazzi all’interno di un ampio progetto promosso da Italia Nostra di Messina insieme all’associazione SISUS (Società italiana di Scienze Umane e sociali)su “La città e il mare”, portato avanti con dieci scuole della città e della provincia per un intero anno scolastico, a conclusione del quale i ragazzi stessi, in un convegno aperto alla città, hanno offerto testimonianze come queste – ed altre anche più articolate e complesse, che contraddicono lo stereotipo dei giovani insensibili e indifferenti!!! Sono loro che ci possono fare sperare ancora in un futuro sostenibile…

Lascia un commento

Italia Nostra Onlus