Comunicati

27-04-2020

Dedicato a Desideria Pasolini dall’Onda, cofondatrice di Italia Nostra. AUGURI Presidente

Dedicato a Desideria Pasolini dall’Onda, cofondatrice di Italia Nostra. AUGURI Presidente

Nel 1955 la giovane Desideria Pasolini dall’Onda firma con Zanotti Bianco, Elena Croce, Pier Paolo Trompeo, Giorgio Bassani, Luigi Magnani Rocca, Hubert Howard, l’atto costitutivo di Italia Nostra.

Eccone i propositi purtroppo ancora di grande attualità : “premesso che essi componenti, come tutti coloro a cui stanno a cuore le bellezze artistiche e naturali del nostro Paese, non possono non essere estremamente preoccupati di fronte al processo di distruzione, sempre più grave e più intenso al quale è stato sottoposto negli ultimi anni il nostro patrimonio nazionale… hanno perciò deciso di costituire una fondazione nazionale col proposito di suscitare un più vivo interesse per i problemi inerenti alla conservazione del Paesaggio, di monumenti e del carattere ambientale delle città specialmente in rapporto allo sviluppo dell’urbanistica moderna”.

Gli obiettivi descritti nell’Atto Costitutivo sono la fotografia dei problemi mai superati giudiziosamente dal nostro Paese. Una situazione cristallizzata della quale Desideria Pasolini dall’Onda, oggi Presidente onoraria di Italia Nostra, si è fatta instancabilmente carico nella sua lunghissima vita.

In una intervista su “Patrimonio SOS” dichiarava: “Si trattava di ribellarsi agli sventramenti che nel dopoguerra continuavano come e più di prima, si trattava di salvare i centri storici dalla cosiddetta ricostruzione selvaggia, si trattava, ad esempio a Roma, di battersi contro l’ennesimo scempio annunciato, un’arteria parallela al Corso a partire da piazza di Spagna. E si trattava di salvare l’Appia Antica, che senza il nostro impegno sarebbe oggi uno stradone cementificato come tanti altri».

Appassionata Presidente ha sempre sostenuto che il compito di Italia Nostra non si esauriva “nel salvare dal degrado monumenti antichi, bellezze naturali o opere di ingegno” ma era necessario che perseguisse e sostenesse “un nuovo modello di sviluppo, fondato sulla valorizzazione dell’inestimabile patrimonio culturale e naturale italiano, capace di fornire risposte in termini di qualità del vivere e di occupazione”.

Non è casuale che sia stata la prima portavoce donchisciottesca di appelli, convegni e iniziative per ricordare l’importanza di salvaguardare il Paesaggio Agrario italiano.

Intorno a lei si sono stretti sia brillanti intellettuali come Nicola Caracciolo e Cederna, sia nomi fondanti dell’urbanistica italiana contemporanea come Vezio De Lucia, Insolera , Benevolo,  Bernardo Rossi Doria. Grazie al suo impulso venne creato il gruppo di lavoro con il già Presidente nazionale Giovanni Losavio che dette contributi significativi alla definizione dei contenuti del “Codice Urbani” sui beni culturali e il paesaggio (decreto legislativo 42/2004).

Ecco la menzione nel 2001 con la quale il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi le conferì il Titolo di Cavaliere di Gran Croce : “Tra le donne che hanno maggiormente contribuito alla difesa del patrimonio storico, artistico e culturale del Bel Paese, Desideria Pasolini dall’Onda occupa un posto assolutamente prioritario. Le sue generose battaglie ultracinquantennali per la tutela del paesaggio, sia in Italia Nostra, di cui è stata fondatrice e presidente, sia in tantissime altre occasioni, hanno lasciato un profondo segno nella lunga e faticosa storia della tutela ambientale del nostro Paese.”

Per averci regalato tutto questo, Grazie Presidente, buon compleanno.

Italia Nostra

Il Presidente Carlo Azeglio Ciampi conferisce la medaglia d’oro dei benemeriti della cultura e dell’arte a Desideria Pasolini dall’Onda

 

 

Desideria Pasolini dall’Onda nel corso di un incontro con il Presidente Carlo Azeglio Ciampi. Documento tratto dalla gallery presente sul sito del Presidente Ciampi.

 

Desideria Pasolini dall’Onda nel 2016 al convegno organizzato presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati e dedicato a “Le politiche per Roma di Antonio Cederna”

 

Desideria Pasolini dall’Onda in una foto ripresa in occasione della sua nomina a Presidente onoraria di Italia Nostra

Desideria Pasolini dall’Onda nel corso di una manifestazione pubblica con Luigi Ficacci

Desideria Pasolini dall’Onda alla manifestazione di Roma 7 maggio 2016, “Emergenza Cultura”, pubblicata da “L’altra news”: https://www.youtube.com/watch?v=7DfuGAInML0

All’undicesimo minuto presentazione di Desideria Pasolini dall’Onda sul GR3 delle 18.45 per i suoi 100 anni e anche accenno a Nicola Caracciolo, recentemente scomparso: https://www.raiplayradio.it/audio/2020/04/GR-3-7fe23907-0c84-4cf3-954d-d116fdbcb04f.

Di seguito, una foto di Desideria Pasolini dall’Onda tratta dall’archivio de “La Repubblica” e l’articolo uscito oggi su “Il Fatto Quotidiano” edizione cartacea

 

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus