News nazionali

07-08-2010

Editoriale: Un paese disonorato?!

La messa all’asta del Colosseo; il prezziario delle Dolomiti nella lista dei beni del Demanio nazionale che saranno messi a reddito; i grandi capolavori dell’arte in tournée a favore del marketing del made in Italy; i paesaggi ceduti alle speculazioni per produrre oneri di urbanizzazione. Tutte queste (e altre) notizie vengono commentate sui media sempre con gli stessi argomenti: come fare soldi… come sfruttare meglio. Perfino i nostri soprintendenti e direttori di musei (irrisi, ricattati e svillaneggiati come conservatori miopi ed egoisti), quei tecnici che la Costituzione pone, infatti, a difesa della conservazione per le generazioni future del nostro prezioso patrimonio culturale e naturale, sono costretti a difendere il patrimonio usando gli stessi argomenti: i turisti non vengono se non trovano i grandi capolavori al loro posto e vedono i paesaggi degradati, quindi si perdono i loro soldi.
Nessuno si chiede, di fronte a queste notizie e ai relativi commenti, se è questo un uso civile e ammissibile di beni che appartengono alla comunità il cui valore aggiunto è rappresentato proprio dall’essere “bene comune” e testimonianza diretta della nostra identità (o meglio dell’insieme delle nostre identità e culture)?
Esiste anche per i beni culturali una “questione morale”. Non tutto nella vita di ciascuno e nella vita di una nazione può essere ridotto a merce. Anche gli economisti dicono che nella società del mercato devono restare integri, fisicamente e spiritualmente, alcuni beni e valori non commerciabili.
Fare di questi nostri beni culturali e identitari una merce da sfruttare è una forma di lenocinio che intacca gravemente la nostra vita umana e spirituale: è un disonore che ferisce ancora più a fondo un Paese già tanto disonorato.
Ma gli italiani sono davvero disposti ad essere disonorati?
Dal cuore dell’osservatorio nazionale di Italia Nostra so per certo che esiste un’altra Italia: quella che nelle nostre centinaia e centinaia di Sezioni, con le nostre decine e decine di migliaia di Soci si batte ancora per l’onore di questo Paese; nella convinzione che sarà il nostro patrimonio culturale quello che ci aiuterà a rinascere.

Alessandra Mottola Molfino
Presidente nazionale di Italia Nostra

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Italia Nostra Onlus