Appelli

06-03-2019

Fiume Marta: Italia Nostra Etruria denuncia l’emergenza inquinamento e lancia una petizione per chiedere interventi immediati

Sotto accusa quattro depuratori. Per la presidente locale Marzia Marzoli: “situazione insostenibile”

Quattro depuratori inquinano il fiume Marta da anni e nonostante numerose prese di posizione ed un dettagliato esposto del gennaio 2018 alla Procura della Repubblica di Civitavecchia le condizioni ambientali di questo corso d’acqua restano allarmanti.

Italia Nostra Sezione Etruria che da anni svolge opera di sensibilizzazione al riguardo non abbassa la guardia ed anzi ha lanciato una petizione per chiedere interventi immediati. Una petizione che riunisce sette associazione tra le quali anche il Wwf ed il Forum Ambientalista.

Si chiede al ministro dell’Ambiente Sergio Costa, al presidente della Regione Lazio Zingaretti, ai sindaci di Viterbo, Tarquinia, Tuscania e dei comuni rivieraschi del lago di Bolsena di intervenire subito.

“Il fiume Marta – spiega Marzia Marzoli, presidente di Italia Nostra Etruria – è interessato da un massiccio inquinamento dovuto alla presenza di scarichi di acque reflue urbane non depurate, che arrivano tramite i fossi nei quali versano i 4 depuratori di acque reflue urbane ufficiali”.

Sotto accusa quattro depuratori: il depuratore delle acque reflue urbane di Viterbo (67.831 abitanti) situato presso strada Bagni; il depuratore nel comune di Marta, che raccoglie le acque reflue urbane dei Comuni di Bagnoregio (3.615 abitanti), Bolsena (3.936 abitanti), Montefiascone (13.454 abitanti), Marta (3.440 abitanti), Capodimonte (1.718 abitanti), Valentano (2.843 abitanti), Gradoli (1.351 abitanti), Grotte di Castro (2.626 abitanti), e San Lorenzo Nuovo (2.080 abitanti); il depuratore delle acque reflue urbane di Tuscania (8426 abitanti); il depuratore delle acque reflue di Tarquinia (16.383 abitanti).

Italia Nostra Sezione Etruria denuncia una vera e propria emergenza ambientale per il Marta e l’impatto che ne deriva per le acque di Tarquinia nel quale il corso d’acqua, lungo 49 chilometri, sfocia.

I firmatari della petizione, indignati per l’indifferenza finora dimostrata sulla questione, chiedono la dichiarazione dello stato di emergenza ambientale per l’inquinamento dei fiume Marta e l’efficientamento degli attuali depuratori di Viterbo, dei comuni lacuali e dei comuni di Tuscania e Tarquinia.

Si sollecitano inoltre controlli periodici sullo stato del fiume con analisi chimica e microbiologica; bonifiche lungo il fiume e i suoi affluenti, sulle cui sponde si trovano ingenti quantità di rifiuti; interventi urgenti per migliorare la qualità delle acque poiché il fiume Marta viene utilizzato ai fini irrigui dal Consorzio di Bonifica, buona parte dell’anno.

All’incontro che il 23 febbraio si è tenuto al Comune di Tarquinia è emersa con chiarezza la necessità di intervenire subito. E’ cresciuta inoltre la sensibilità delle popolazioni sulla questione.

“I dati di monitoraggio alla foce – spiega ancora Marzia Marzoli – impegnata in queste settimane in incontri sul tema nel territorio dei comuni interessati – mettono in evidenza la presenza di enterococchi intestinali ed escherichia coli. Il Marta – conclude Marzoli – è fortemente inquinato. La situazione è insostenibile. Non si può continuare a fare finta di niente. E importante che le istituzioni, la popolazione interessata, le associazioni ed i cittadini si mobilitino per riportare le condizioni del fiume entro gli standard previsti dalla normativa vigente e che si individuino le responsabilità per il suo massiccio inquinamento”.

Nell’esposto depositato in Procura si chiede l’accertamento di eventuali responsabilità sia in ordine al determinarsi della inquietante condizione ambientale in cui versa l’ecosistema del bacino fluviale del Marta a rischio di ulteriori sversamenti, che potrebbero aggravare il quadro già preoccupante. Si chiede inoltre di sapere, se il continuo inquinamento del Fiume possa essere imputato a condotte in violazione delle norme vigenti, visto il reiterarsi di tale situazione negli anni anche a fronte dei ripetuti allarmi da parte dei cittadini e se ricorrano i presupposti per il reato di disastro ambientale.

Franco Medici, presidente del Consiglio Regionale Lazio, facendo anche riferimento alla campagna Protect Water, cui Italia Nostra ha aderito, evidenzia il problema dell’inquinamento del fiume Marta.

“Infatti – commenta Medici – i dati del monitoraggio (2015-17) pubblicati da Arpa Lazio classificano lo stato chimico come “non buono” come per il fiume Tevere e l’Aniene sulle cui aste fluviali insiste la città di Roma. Si evidenzia uno stato di inquinamento preoccupante che merita attenzione da parte delle autorità competenti. In estrema sintesi i fiumi Aniene, Marta e Tevere costituiscono le emergenze ambientali più preoccupanti della regione Lazio”.

Qui il link per aderire alla petizione: https://www.change.org/p/presidente-della-regione-lazio-on-nicola-zingaretti-salviamo-il-fiume-marta-e-il-mare-di-tarquinia

 

5 marzo 2019 – Graziarosa Villani – ufficiostampalazio@italianostra.org – Cell. 360/805841

Italia Nostra Onlus