Comunicati

13-02-2019

Grido di allarme di Italia Nostra e dei cittadini di Firenze

«In questi giorni succedono cose gravissime a Firenze,» afferma Mariarita Signorini, Presidente Nazionale di Italia Nostra. «In tutta la città regnano le motoseghe e l’eco della loro azione dagli storici Viali dei Colli di Giuseppe Poggi arriva fino a Palazzo Vecchio, al Duomo, a Piazza della Liberta, a Piazza della Vittoria e all’Isolotto».

A ottobre, l’Assessore all’Ambiente Decoro Urbano e Partecipazione, Alessia Bettini, ha dichiarato pubblicamente, in una seduta del Consiglio Comunale e a seguito di verifiche fatte da cittadini e comitati sugli alberi sani abbattuti a Bellariva, che il fatto era avvenuto per sbaglio del reparto tecnico comunale del verde. «Mentre gli abbattimenti indiscriminati di alberature sane continuano, ci chiediamo se la gestione del patrimonio verde di Firenze sia improntato alla necessaria trasparenza», prosegue Mariarita Signorini. «I cittadini vorrebbero essere coinvolti nelle scelte perché considerano gli alberi un elemento essenziale del decoro urbano, che offre riparo alla calura estiva e, non ultimo, smaltisce la CO2. Per tali ragioni, li vogliono conservare, se sani, fino alla fine del loro ciclo vitale».

Oltre alle 500 firme consegnate al Sindaco il 28 gennaio 2019, altre ne seguiranno oggi, lunedì 11 febbraio, sulla questione di Piazza della Vittoria. Hanno firmato non solo cittadini, residenti fuori e dentro il quartiere, ma anche la presidenza di Italia Nostra Nazionale e di Italia Nostra di Firenze (con i suoi consiglieri), studenti e tanti insegnanti dei licei Dante e Alberti perché vogliono scongiurare l’abbattimento di 36 pini sani presenti in Piazza della Vittoria.

Gravissime le inadempienze da parte di questa Amministrazione riguardo a leggi della Repubblica: il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42); la legge 10/2013 che richiama in modo molto chiaro le Amministrazioni Comunali a curare, conservare ed incrementare il verde urbano, coinvolgendo in ogni modo i cittadini; infine la legge regionale sulla Partecipazione n. 46/2013, basata sull’accesso alle informazioni, sulla partecipazione del pubblico ai processi decisionali e sull’accesso alla giustizia in materia ambientale (Aarhus Convention, Danimarca, 25 giugno 1998)».

«Qui è in gioco anche il preoccupante cambiamento del clima in atto. Il Sindaco di Firenze ha firmato nel 2010 il “Patto 2020 dei Sindaci per il Clima e l’Energia”, con l’impegno di ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 40 % entro il 2030. Impegno incompatibile con il continuo abbattimento di alberi sani e pienamente efficaci nella loro lotta contro la CO2, mentre in tutto il mondo si accresce la cura del verde per migliorare la salute del pianeta», dichiara Leonardo Rombai, presidente di IN Firenze.

Recependo gli appelli di tanti cittadini fiorentini, Italia Nostra chiede LO STOP IMMEDIATO DEGLI ABBATTIMENTI DI ALBERI SANI.

 

La Presidente Nazionale di Italia Nostra, Mariarita Signorini

Il Presidente della Sezione di Firenze, Prof. Leonardo Rombai

 

Ufficio stampa

Flavia Corsano 335-53344767

ufficiostampa@italianostra.org

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus