News dal territorio

29-09-2010

Italia Nostra Lucca: “No alla speculazione sullo Stadio Porta Elisa!”

L’Amministrazione Comunale di Lucca ha predisposto una variante urbanistica ad hoc per la totale riconformazione dello storico stadio Porta Elisa di Lucca, per permettere di trasformarlo (tramite l’abbattimento di oltre 3/4 dell’esistente), in un nuovo complesso polifunzionale comprendente:  un centro commerciale, una multisala cinematografica, un albergo di oltre 100 camere,  un centro residenziale, sale convegni e centro direzionale, un ristorante, un parcheggio… (per un totale di 27.000 mq) oltre, naturalmente, una nuova struttura di stadio per aumentarne la capienza.

La Variante urbanistica è stata redatta dal Comune di Lucca proprio su misura di quanto gli imprenditori edilizi proprietari della squadra di calcio Lucchese (Gruppo Valore di Prato e Cipriano Costruzioni di Lucca) vogliono realizzare per poter continuare ad investire nella squadra calcistica locale (che milita in Prima Divisione), dati gli alti costi di questa gestione. Insomma perché gli immobiliaristi continuino ad investire nella squadra calcistica vogliono garantirsi ben più remunerative entrate da altre attività. Il Comune, ossequiente e rinunciando al proprio ruolo di indirizzo, permette (cedendo il proprio stadio per ben 99 anni) questa speculazione… e per essa permette lo snaturamento di un capolavoro dell’architettura razionalista.

Ma non è detta, ancora, l’ultima parola!

Italia Nostra documenta i gravi motivi urbanistici, di contenuto, procedurali  e di legittimità per i quali si deve dire NO a questo tipo diintervento.

Rassegna stampa

Italia Nostra Onlus