News dal territorio

03-01-2020

Italia Nostra Macerata sull’avvenuta rimozione della gru da Chigiano di San Severino

Finalmente rimossa la gru da Chigiano di San Severino: senza acciaio più o meno arrugginito ritorna il Borgo rosa.

Vogliamo iniziare questo nuovo anno con una buona notizia.

Qualche mese abbiamo fatto nostra la segnalazione di alcuni residenti sulla presenza di una gru nel borgo di Chigiano, a San Severino: a servizio di un cantiere oramai fermo da diversi anni, questa gru incombeva sulla vita degli abitanti del piccolo agglomerato deturpando al contempo il paesaggio che il piccolo borgo contribuiva a costruire.

Ricevuta la segnalazione, come sezione ci siamo rivolti agli uffici comunali per verificare la situazione e provare a sollecitare una risoluzione della questione. Nonostante la disponibilità degli uffici, rilevata nelle solleciti risposte ricevute, la situazione appariva bloccata, con un permesso a costruire scaduto da poco meno di un decennio intestato ad un’impresa edile purtroppo fallita e quindi non più raggiungibile direttamente da eventuali solleciti o diffide al ripristino di una situazione congrua con il contesto in cui Chigiano si colloca. Gli uffici avevano comunque provveduto all’invio del sollecito con cui si richiedeva l’intervento di rimozione.

Abbiamo fatto un nostro comunicato nell’aprile scorso, con il quale in pratica ci chiedevamo come fosse possibile, nonostante la volontà chiaramente espressa dalla pubblica amministrazione, che non si riuscisse a far valere un interesse pubblico così forte come quello costituito dalla tutela del paesaggio, sancito in quanto tale dalla nostra costituzione all’articolo 9, sia di fatto subordinato alla protezione. La nostra domanda era stata amplificata anche sui media nazionali tramite un’intervista rilasciata al programma radiofonico “Andata e Ritorno” di Rai Radio Uno.

Diversi sono stati i messaggi ricevuti a seguito del nostro intervento. Di sostegno. Con proposte operative. Di solidarietà. Ma, almeno apparentemente, nessuno che riuscisse ad avviare un reale processo di risoluzione della questione.

Poi il lieto fine. Qualche settimana fa la persona che ci aveva contattato ci manda una bellissima notizia: la gru è stata finalmente rimossa da Chigiano. Non sappiamo chi ne sia l’artefice diretto, se un soggetto o più soggetti, ma vogliamo ringraziarli tutti, perché sono le storie come queste, con protagonisti anonimi che compiono il proprio dovere al di fuori delle luci della ribalta, che ci fanno sperare in un 2020, 2012, 2022… degni di essere vissuti con l’ottimismo e la speranza necessari per la costruzione di un futuro florido di opportunità per tutti.

Buon 2020 dalla sezione maceratese di Italia Nostra.

Italia Nostra Onlus