News dal territorio

06-02-2020

Italia Nostra Melilli alla scoperta di Zyz… E l’incontro con Valdinievole

Tre giorni alla scoperta Palermo, nota in passato con il nome di Zyz (il fiore): i soci di IN Melilli, desiderosi di apprezzare e conoscere meglio i beni culturali, hanno visitato il capoluogo di provincia siciliana tra venerdì 31 gennaio e domenica 2 febbraio. L’incanto della città di Palermo nasce dalla storia dei popoli che l’hanno vissuta: Fenici, Greci, Romani e Bizantini nell’antichità.

Ma è stato sotto il dominio arabo (827-1090) e poi quello della dinastia normanno-sveva (1090-1250) che Palermo è divenuta la capitale del regno più potente del Mediterraneo. La morte prematura di Federico II, definito dai contemporanei “Stupore del mondo”, e la debole successione dei figli naturali Manfredi e Corradino, portano l’Isola sotto il controllo degli angioini (francesi della casa d’Angiò). L’Isola entra nella sfera di influenza spagnola quando, con i Vespri siciliani del 1282, i nobili siciliani – riuniti in Parlamento – consegnano la corona di Sicilia agli aragonesi. Rimarrà tale fino all’ultimo sovrano Borbone delle Due Sicilie: Francesco II. Durante lo sbarco dei Mille, Palermo non può cannoneggiare le navi sbarcate da Quarto, perciò i garibaldini hanno libertà di azione per impadronirsi della città. Si avvia quindi il lento declino dell’Isola, anche se con sprazzi di eccellenze in tutte le discipline, dalla Letteratura alle arti figurate, con nomi del calibro dei Basile, di Francesco Lo Jacono, della triade verista catanese e di Pirandello; a recepirne l’eredità sarebbe stato Renato Guttuso.

Sulle orme di queste tracce storiche si è snodato il percorso seguito dai soci IN. A partecipare anche una simpatizzante, la dott.ssa Ignazia Poidomani: residente a Modica, Ignazia è rimasta così incantata dal modus operandi dell’Associazione di Italia Nostra da diventare socia della sezione di Melilli con il proposito di fondare prima un presidio e poi una sezione nella sua città.

Il tour ha anche consentito ai soci di gustare l’ottima cucina palermitana dalle influenze arabe.

E proprio in occasione di una degustazione non è mancata la “carrambata”: i soci di IN Melilli si sono ritrovati seduti accanto a Italo Mariotti, Presidente IN di Valdinievole: un incontro tanto fortuito quanto virtuoso e incoraggiante, una piacevole circostanza che aprirà certamente a fattive interazioni.

Addetto stampa

Alessandra Privitera | 3494620291

Italia Nostra Onlus