Comunicati

31-03-2020

La crisi Covid-19 non sia escamotage per l’assalto al Patrimonio e al Paesaggio

Pare stia dilagando un nuovo virus che poco ha a che fare con il Covid19, ma che abbaglia chi ne è colpito, fino a provocargli un’improvvisa amnesia apparentemente circoscritta alla nostra Carta Costituzionale. Corre voce che qualche onorevole buontempone, addirittura investito di incarichi di alto livello istituzionale, abbia concepito un nuovo meccanismo derogatorio al principio costituzionale sancito dall’art. 9 della Costituzione, che vuole (c’è da dire “vorrebbe”) lo Stato quale garante della tutela dei beni culturali e del paesaggio.

E’ in cottura un altro scellerato “Decreto cantieri”, ispirato ai peggiori Governi Berlusconi e Renzi. All’art. 2, comma 11, esso intenderebbe conferire pieni poteri ai Commissari pure in materia di tutela ambientale- paesaggistico-territoriale e in materia di tutela del patrimonio storico-artistico, anche derogando al già costituzionalmente discutibile art. 14-quater, comma 3, della l. 241/90.

Italia Nostra non intende prescindere dai principi basilari sui quali si regge la democrazia del Paese. Prima che diventi una infezione irreversibile bisogna debellare questo veleno, nefasto per tutto il nostro Patrimonio.

 

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus