Eventi

26-01-2019

La Liguria dopo la mareggiata: riflessione su come orientare la ricostruzione

Tutta la costa ligure è stata duramente colpita dall’ultima mareggiata. Ora stiamo valutando i danni. Ma sarà bene approfondire qualche riflessione prima di impiegare i rimborsi.

Vale la pena di ricostruire senza se e senza ma, com’era e dov’era? Non dovremmo, invece, senza rinunciare ad un settore di sana e ricca economia, avviare una riflessione su come fare per operare ed agire per un futuro più sicuro, in quanto più rispettoso delle dinamiche degli elementi naturali, tenendo conto di una preoccupante evoluzione climatica?

Non si potrebbe condizionare l’erogazione dei soldi di compenso dei danni alla realizzazione di strutture più pensate e condivise?  Invece di rifare uguali le strutture danneggiate, in attesa della prossima mareggiata, non potremmo sviluppare progetti più meditati?

Crediamo che l’equilibrio con il territorio non sia connesso a forme di sfruttamento violento: muri, dighe, ripascimenti, e, se non bastano, più muri, più dighe e più ripascimenti, ma crediamo che sia connesso a più progettualità e più rispetto. E’ così brutto il nostro mare da avere bisogno di assomigliare alla città?

Per i motivi sopra esposti il Consiglio Regionale di Italia Nostra ha organizzato il  Convegno “La Liguria dopo la mareggiata: dobbiamo cambiare qualcosa?”, che si terrà il 26 gennaio dalle 15,30 alle 19 nell’Auditorium di Palazzo Rosso a Genova.

Alle relazioni iniziali degli universitari Roberto Bobbio e Giovanni Besio, seguiranno quelle di Ernesto Schivo (bagni marini) e di Corinna Artom e Isabella De Benedetti, rappresentanti degli enti locali Regione e Comune. Seguirà il dibattito con gli interventi di associazioni e di altri enti

Roberto Cuneo

Presidente del Consiglio Regionale di Italia Nostra

***

Alcuni documenti:

La locandina:

(clicca sulla locandina per ingrandirla)

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus