20-11-2019

La Lista Rossa in Sardegna

20La “Lista Rossa” è la campagna nazionale di Italia Nostra attraverso cui vengono raccolte denunce e segnalazioni di beni comuni o paesaggi in abbandono o bisognosi di tutela, siti archeologici meno conosciuti, centri storici, borghi, castelli, singoli monumenti in pericolo. Tutti possono fare una segnalazione, scopri come su https://www.italianostra.org/le-nostre-campagne/la-lista-rossa-dei-beni-culturali-in-pericolo/

CHIESA DI SANT’ELENA

Via Mazzini, Lotzorai, Ogliastra

Chiesa parrocchiale sin dalla metà del XVIII secolo, rimase comunque in funzione come “chiesa del vicinato di sopra” sino ai primi del 1950 e solo successivamente fu completamente abbandonata e lasciata in balia dei vandali nonostante la presenza intorno di numerose sepolture. > Più dettagli

 

TORRE DI ISCHIA RUJA

Sinis Cabras

Torre del sistema difensivo costiero costruita tra il 1580 e il 1584, oggi in abbandono. Sono necessari interventi di consolidamento senza i quali il bene rischia, inesorabilmente di crollare. > Più dettagli

 

TORRE COSTIERA IN LOCALITÀ CALA DOMESTICA

Buggerru, Carbonia-Iglesias

L’edificazione della “Nuova Torre di Caladomestica” risale al periodo sabaudo. I lavori ebbero inizio nel 1765 e furono conclusi intorno al 1780. La Torre è in fase di completo abbandono e versa in precarie condizioni strutturali che ne compromettono la futura conservazione. > Più dettagli

 

CHIESA DI SANT’ANTONIO

Sinis Cabras

Chiesa extraurbana lungo la strada costiera occidentale romana. Dichiarata pericolante a rischio di crolli delle murature o della volta è oggi in grave stato di conservazione. > Più dettagli

 

TORRE DI COLUMBARGIA

Sinis Cabras

Torre del sistema difensivo costiero spagnolo. Fruizione difficoltosa e pericolosa a causa delle precarie condizioni della torre. > Più dettagli

 

POZZO SACRO NURAGICO

Isola di Sant’Antioco, CI

Il pozzo sacro rappresenta un elemento fondamentale dell’intero complesso nuragico, le cui caratteristiche architettoniche rispecchiano le peculiarità del territorio sulcitano. Il monumento è stato oggetto di alcuni interventi urgenti rivolti alla messa in sicurezza del bene al fine di scongiurarne il crollo. Mancano i fondi per la progettazione e un conseguente intervento di restauro mirato alla definitiva messa in sicurezza, alla conservazione e alla completa fruizione del bene. > Più dettagli

Italia Nostra Onlus