Comunicati

09-01-2014

La Reggia di Carditello è patrimonio culturale dell’Italia!

Dichiarazione di Marco Parini, Presidente di Italia Nostra

“Con l’acquisto della Reggia di Carditello lo Stato ha risposto con la cultura al degrado sociale della Terra dei fuochi. Ora il restauro per il rilancio del turismo e dell’economia”

“Italia Nostra,  prima nel chiedere al ministero per i Beni Culturali l’acquisto di Carditello esprime la sua soddisfazione per la decisione del ministro Massimo Bray di acquisire questo importantissimo monumento al Patrimonio dello Stato. Italia Nostra ha in proposito avanzato la proposta che la Reggia di Carditello faccia sistema con la Reggia di Caserta, l’Acquedotto Carolino e il complesso di San Leucio, tutte testimonianze borboniche di grande importanza e occasione per un percorso turistico e un riscatto culturale della Terra dei fuochi.

Una risposta dello Stato attraverso la cultura ai gravi problemi dell’area e un’occasione importante per l’occupazione e l’economia che da queste valorizzazioni può conseguirsi.

Ora Italia Nostra chiede che si ricorra ai fondi europei per i restauri e si apra una riflessione per la rifunzionalizzazione del complesso di Carditello per la quale Italia Nostra si impegna a formulare proposte”.

Marco Parini

Presidente nazionale Italia Nostra

***

Leggi una prima rassegna stampa

_____________________________________

Una battaglia lunga e durissima, ma finalmente la Reggia di Carditello appartiene agli italiani.

Italia Nostra, che per tanti anni ha lottato affinché la  magnifica residenza settecentesca progettata come reggia di caccia per Carlo di Borbone da Francesco Collecini, braccio destro di Luigi Vanvitelli, diventasse patrimonio dello Stato e venisse strappata alla devastazione e  all’incuria che l’ha spogliata di magnifiche ricchezze,  plaude all’operazione di acquisto da parte del Ministero dei Beni Culturali portata avanti con determinazione dal ministro Massimo Bray che ha così adempiuto ad un impegno che si era assunto pubblicamente. Un’azione che si deve esclusivamente alla perseveranza di associazioni come Italia Nostra e comitati locali che, di fronte a mille ostacoli, non  hanno smesso di ribadire l’importanza di garantire al nostro Patrimonio Culturale la “Versailles italiana”.

Ora Italia Nostra chiede contestualmente che vengano immediatamente utilizzati i fondi europei per il recupero, secondo il progetto che già esiste presso le province di Caserta e Benevento per il recupero dell’Acquedotto Carolino, bene UNESCO, che proprio alla reggia di Carditello si conclude.

Italia Nostra, ufficio stampa | Maria Grazia Vernuccio cell. 335.1282864 mariagrazia.vernuccio@gmail.com

Tutte le news precedenti sulla vicenda:

La Reggia di Caserta e la tenuta Reale di Carditello

Il Ministro Bray a Carditello: “Troverò una soluzione”

Caserta e Carditello: quale destino per le due regge? L’appello di Italia Nostra

“Caserta e Carditello: quale destino per le due regge?” (rassegna stampa)

La Reggia di Carditello devastata dai vandali!

Altre news

Leggi la lettera indirizzata al Segretario Generale del MiBACT :

“Carditello ipotesi di destinazione d’uso, modello di gestione e piano territoriale di valorizzazione dei beni culturali.”

Commenti

2 commenti a “La Reggia di Carditello è patrimonio culturale dell’Italia!”

  1. marcello seclì ha detto:

    D’accordo con la dichiarazione del Presidente Parini, sarebbe stato opportuno a mio avviso, data l’importante notizia, di ricordare la figura di Tommaso Cestrone che si è speso instancabilmente, senza essere necessariamente un esperto o un intellettuale, perché la tenuta di Carpitello venisse salvata.

  2. Francesco Zucchini ha detto:

    Una splendida notizia! Lode al Ministro Bray e lode ad Italia Nostra che per anni si è battuta instancabilmente per la salvezza di Carditello.

Lascia un commento

Italia Nostra Onlus