News dal territorio

14-05-2019

Lamezia: “Nessuno risponde del degrado in questa città”

Ogni nostro appello ad un ambiente pulito,a un decoro degno di questa città,a prendersi cura dei beni collettivi trova interlocutori sordi ciechi e muti. In piazza Mercato Vecchio la vasca è impresentabile, sporca, ricolma di bottiglie di birra rotte. Nel degrado più totale.Come si può ridurre in tale stato un bene comune?

Il senso di civiltà incontra notevole fatica ad affermarsi.

I servizi igienici a ridosso di Corso Numistrano, il salotto di Lamezia Terme, nello squallore completo. Nessuno vede, nessuno sente, nessuno decide. Sia chiaro tutto questo non è normale. Non è normale che nessuno risponda del degrado e dell’abbandono in cui viene mantenuta questa città. Non é normale spendere quattro milioni di euro al parco Peppino Impastato e lasciarlo al buio, con tutte le strutture rotte e pericolose, con un patrimonio mandato in malora. Se la politica non è in grado di proporre soluzioni ci pensi la magistratura. Continuare così è un suicidio.

Noi vogliamo un’altra città. Pretendiamo cura manutenzione e rispetto di tutti i beni storico-culturali. Pretendiamo cura del verde e dei parchi. Possibilità di usufruire delle strutture sportive, teatrali, del tempo libero. Basta con questo assurdo menefreghismo.

Giuseppe Gigliotti, presidente “Italia Nostra” Lamezia

Italia Nostra Onlus