News dal territorio

29-08-2013

Lettera aperta al Sindaco di Aprilia sul taglio degli alberi

Rispettabile Sig. Sindaco,

a seguito della lettera aperta, presentata dall’associazione Italia Nostra, inerente il taglio dei pini di Largo delle Rose, nel centro della Città di Aprilia; a fronte della mozione presentata dal Pdl, in sede di consiglio Comunale, il 9 Aprile 2013, volta a ricercare una soluzione alternativa l’abbattimento delle ventidue piante del centro città; a seguito altresì dell’intolleranza a tali perentori atti manifestata con acume tramite il portale mediatico di facebook, in che modo vediamo concretizzarsi ciò che Le sottoponiamo come imprescindibile questione da preservare? Con il taglio di altrettanti alberi nella località di Campoverde.

La risposta che ci viene propinata ha dunque il sapore di noncuranza ed oltre il profuso sgomento, ci preme veicolare l’attenzione sulla direzione intrapresa a livello normativo, mondiale, che inevitabilmente rafforza la contraddizione insita in tali atti. La legge n.113, del 29 gennaio 1992, prescrive il ruolo prioritario delle specie arboree, sancendo “l’obbligo per il comune di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito della registrazione anagrafica”. Come specificato al comma 2, dell’art.1, nelle modifiche alla suddetta legge, “il comune stabilisce una messa a dimora d i alberi quale contributo al miglioramento urbano i cui oneri siano posti a carico di cittadini, imprese od associazioni per finalità celebrative o commemorative”… (continua a leggere)

Italia Nostra Onlus