News dal territorio

14-10-2020

Linea ferroviaria Alba-Asti: la sezione albese di Italia Nostra ne chiede la riattivazione

Linea ferroviaria Alba-Asti: interviene la sezione albese di Italia Nostra sollecitando le amministrazioni a sostenerne la riattivazione. L’attuale piano di investimenti della RFI (Rete Ferrovie Italiane) rende possibile la riattivazione delle tratte permettendo così di ottenere benefici per il territorio di natura sociale, ambientale ed economica.

Ecco di seguito il documento inviato.

Spett.li

                                                                        Assessorati alla Pianificazione territoriale,

                                                                        Paesaggio, Difesa del suolo

                                                                        REGIONE PIEMONTE

                                                                       Torino

                                                                       Ai Sigg. Sindaci

                                                                       AMMINISTRAZIONI COMUNALI

                                                                       Alba, Barbaresco, Neive (CN)               

                                                                       p. pubb.ne organi di informazione

                                                                       Loro sedi

Oggetto: sulla questione ferrovia o pista ciclabile per la tratta abbandonata Alba-Asti.

La pluralità degli abitanti di Langhe e Roero richiedono alla RFI (Rete Ferrovie Italiane) la riattivazione delle tratte ferroviarie per Alba (CN), Asti e Nizza Monferrato (AT).

  • La riattivazione delle tratte citate e le relative stazioni permettono di potenziare la mobilità delle persone su rotaia nell’ampio territorio di Langhe e Roero ed il collegamento con le linee ferroviarie per Asti, Nizza M., Torino, Milano, Alessandria e Genova, oggi raggiungibili con difficoltà e solo con automezzi su gomma, seguendo la trafficata rete stradale e autostradale.
  • L’attuale piano di investimenti della RFI (Rete Ferrovie Italiane) rende possibile la riattivazione delle tratte; i benefici sociali, ambientali ed economici, che ne derivano per il territorio, sono già ben documentati con il recente ripristino della tratta Alba-Bra, che ha  richiesto il rifacimento della massicciata, muri di sostegno per i versanti instabili e l’elettrificazione; in particolare essa è utilizzata da un alto numero di passeggeri ed è caratterizzata da emissioni zero.
  • Al contrario la trasformazione della tratta Alba-Asti in pista ciclabile, su un lungo ed alto viadotto, è sicuramente molto onerosa per la realizzazione della sede viabile e per la messa in sicurezza; inoltre è inaccettabile sia perché spreca una struttura progettata per tutt’altra finalità, sia perché la pista ciclabile esiste già, su sterrato, in sponda destra del fiume Tanaro. Per di più, non è da sottacere l’esito di un sondaggio tra i lettori effettuato da un settimanale locale su tale tematica tra i lettori, considerando che l’80% dei rispondenti si è espresso a favore del ripristino della ferrovia.
  • L’utilizzo del treno permette agli abitanti di Langhe e Roero di raggiungere più facilmente i luoghi di lavoro, le scuole ed i diversi servizi offerti dal territorio; riduce il traffico su gomma e l’inquinamento dei centri abitati (vedi nodo di Alba); incrementa la green economy.
  • Le tratte ferroviarie di Alba-Asti-Nizza M., riattivate ed elettrificate, costituiscono “le porte aperte” per la Lombardia e per la Liguria ed assumono la funzione di “metropolitane leggere”; inoltre, l’incremento su rotaia della mobilità delle persone rappresenta una risorsa sia per il gestore, sia per i potenziali utenti, specie per lavoratori, studenti, escursionisti di ogni età ecc.

Distinti saluti.

                                                                                                                        Il Presidente

                                                                                                                      (Sergio Susenna)

Sezione di Alba

Italia Nostra Onlus