Italia Nostra

Data: 12 Marzo 2020

Impianto Ecolio2: Italia Nostra richiede alla conferenza dei servizi il diniego al provvedimento per il rinnovo della A.I.A

L’Associazione Italia Nostra – Sezione Sud Salento ha inviato in questi giorni alla Provincia di Lecce, al Commissario Prefettizio del Comune di Presicce-Acquarica, ai Sindaci di Salve e di Morciano di Leuca, nonché agli Uffici competenti di ARPA Puglia e dell’ASL Lecce un articolato e dettagliato documento con il quale ha chiesto che in sede di Conferenza dei Servizi, che dovrà chiudere la procedura relativa alla richiesta della Società Ecolio 2 per il rinnovo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) relativa all’impianto per il trattamento di rifiuti liquidi speciali ubicato nel Comune di Presicce-Acquarica (Loc. Spiggiano-Canale), non rilasciassero tale autorizzazione in ragione che l’impianto in questione a tutt’oggi non ha applicato diverse prescrizioni e perchè ha violato una serie di normative ambientali che hanno determinato e continuano a determinare situazioni  di danno ambientale e sanitario così come documentato dall’Arpa. Nel documento inviato, Italia Nostra ha evidenziato – tra l’altro – che, il mancato adeguamento alle prescrizioni contenute nel provvedimento VIA (di cui alla D.D. 221/2013), equivarrebbe di fatto al funzionamento dello stabilimento in assenza di autorizzazione e che il D.Lgs 152/2006, stabilisce che, in caso di inosservanza delle prescrizioni autorizzatorie o di esercizio,  in assenza di autorizzazione e in caso di mancato adeguamento alle prescrizioni imposte, permette all’autorità competente di procedere con la diffida e, in caso di reiterate violazioni che determinino situazioni di pericolo o di danno per l’ambiente, alla revoca dell’autorizzazione e alla chiusura dell’impianto.

Pertanto Italia Nostra ritiene che su tale questione non ci sono più le condizioni per transigere; la rilevante mobilitazione di cittadini, di associazioni, di esperti e dei rappresentanti dei Comuni interessati – che ha avuto modo di manifestarsi nel convegno tenutosi a Presicce il 16 gennaio scorso e con la grande manifestazione tenutasi il successivo 19 gennaio a Salve – ha fatto emergere chiaramente la necessità che su tali problematiche non si può continuare a tollerare l’attività di un’azienda che, con il mancato rispetto delle regole e nel perseguimento di interessi esclusivamente particolari, continua ad operare mettendo a repentaglio la sicurezza dell’ambiente e la salute delle popolazioni.

  Il Presidente

  Marcello Seclì

per approfondimenti:

IN-richiestaDiniegoAIAecolio2-11032020

https://www.italianostra.org/richiesta-indagine-vis-impianto-ecolio2-presicce/

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra