Italia Nostra

Data: 23 Marzo 2011

Nucleare: il 26 marzo tutti in piazza!


L’appuntamento è per le ore 13,00 lato cancellata Terme Diocleziano. Ci aspettiamo molti pullman e tanti antinuclearisti dal Lazio, conviene essere puntuali. La partenza del corteo è prevista per le ore 14,00   e si concluderà a Piazza San Giovanni. Ci saranno vari interventi dal palco, tra cui quello di Monica Tietke del Movimento antinucleare tedesco. La manifestazione si concluderà con un concerto degli artisti dell’acqua.

Posizione nel corteo del  Comitato nazionale VOTA SI’ per fermare il nucleare e dei Comitati regionali e locali. Staremo subito dopo i Comitati locali referendum acqua insieme al variegato mondo antinucleare.  Striscione e bandiere. Staremo dietro lo striscione del Comitato nazionale FERMIAMO IL NUCLEARE – AL REFERENDUM VOTA SI’ – I comitati regionali e locali, a seguire,  porteranno i loro striscioni con le bandiere di tutte le associazioni che ne fanno parte, e tutto quello che vorranno. Stiamo preparando cartelloni e distribuiremo i volantini giallo/nero.

Gazebo. A Piazza San Giovanni ci sarà un gazebo del nostro Comitato, gestito dal comitato laziale.

Sottoscrizione. Durante il corteo e  presso il gazebo raccoglieremo sottoscrizioni libere.

Per la sosta dei pullman:  al seguente link trovate la mappa relativa alle 2 aree sosta messe a disposizione dall’Agenzia *Roma Servizi per la Mobilità*. I pullman dovranno sostare presso *Via Vincenzo Lamaro e Via Quinto Publicio*, strade adiacenti a Via Tuscolana,  e alla *fermata Subaugusta* della linea Metro A da cui si arriva direttamente alla fermata Termini vicino a Piazza della Repubblica. Per la sosta è necessario acquistare il *permesso di tipo G* (€ 24,00):
– on line tramite carta di credito al seguente link
Per informazioni: contattare 06 57003 (Int. 3) oppure infobusturistici@agenziamobilita.roma.it
I pullman necessariamente devono essere al minimo di tipo Euro 2.




COMITATO ASSOCIAZIONI: MORATORIA? UNA PRESA IN GIRO PER CHIUDERE LA BOCCA AGLI ITALIANI

“Governo senza pudore. Questa moratoria è solo una presa in giro. Vogliono chiudere la bocca agli italiani perché sanno che dalle urne del referendum verrà fuori una sonora bocciatura del loro folle progetto nucleare”. L’annuncio, da parte del Ministro Paolo Romani, di una moratoria di un anno per il nucleare scatena le proteste delle oltre 60 associazioni del  Comitato ‘Vota Sì per fermare il nucleare’.

“La verità è che il governo sul nucleare non ha cambiato idea”, protestano le associazioni: “Vogliono solo rimandare il taglio del nastro dopo le amministrative e depotenziare il referendum, nella speranza che la nube radioattiva passi, che la tragedia giapponese venga dimenticata”. Insomma, secondo il Comitato, “non è una pausa di riflessione, ma una subdola operazione di marketing fatta sulla pelle e sulla fiducia degli italiani. Non sono preoccupati della nostra salute, ma dell’andamento dei sondaggi”.

Inoltre, proseguono le associazioni, “vorremmo capire come intendono imporre agli italiani questa subdola moratoria: non basterà fermare il decreto legislativo sulla localizzazione delle centrali”.

Anche per dire no a questi “inaccettabili giochetti di prestigio”, le associazioni del Comitato ‘Vota Sì per fermare il nucleare’  hanno convocato a Roma per sabato prossimo (26 marzo), in occasione della manifestazione per i referendum su acqua e nucleare, “tutti gli italiani che non vogliono una centrale sotto casa e che non credono alle false promesse del governo”.

L’ufficio stampa  – Daniele Di Stefano  – 328.2937118

www.fermiamoilnucleare.it

IL COMITATO: Acli, AEM terra nuova, AIAB, Alleanza per il Clima, ALPA-Ass. Lavoratori Produttori Agroalimentari, Alternativa, AltraMente, Altro.Ve Rete per un altroveneto, Amici della Terra, Arci, Arci servizio Civile, Articolo 21, ASud – Rigas, Auser, Beati costruttori di pace, CEPES, Cgil Lazio, Cgil Umbria, Città Amica, Comitato SI’ alle Rinnovabili NO al nucleare, Costituente Ecologista, CRBM – Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Eco, Ecologisti Democratici, Energiafelice, Eurosolar Italia, Fairtrade Italia, Fare Verde, Federazione nazionale Pro Natura, Federconsumatori, Fiom-Cgil, Focsiv – Volontari nel mondo, Fondazione Culturale Banca Etica, Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus, Forum Ambientalista, Greenpeace, Greenreport, ISDE-Medici per l’Ambiente, Italia Nostra, Jane Goodall Institute Italia, L’Altro Quotidiano, Lega Consumatori, Legambiente, Libera Associazione Origine, Libera Contro le mafie, Libera Università di Alcatraz, Liberacittadinanza, LIPU-Birdlife Italia, Mani Tese, Mountain Wilderness Italia, Movimento Difesa del Cittadino, Otherearth forum energia ricerca, Rete della Conoscenza, Rivista Confronti, Servizio Civile Internazionale S.C.I., Slow Food, Terra Nuova, Terra Quotidiano, Terra! Onlus, Unione degli Universitari, VAS, WWF, XXV Aprile, Ya Basta-Rigas

immagini di archivio della manifestazione a Roma nel 1986

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra