Italia Nostra

Data: 5 Maggio 2020

San Vito Lo Capo: l’ecomostro non fa più paura. Il progetto è stato respinto.

Sullo stop al progetto della società “Marina Bay”, che voleva realizzare un mega porticciolo turistico nella baia di San Vito Lo Capo, interviene pubblicamente Italia Nostra Trapani che plaude alla fine di un incubo: l’ecomostro che si aggirava minaccioso su uno dei luoghi più incantevoli della Sicilia che è San Vito Lo Capo. Il nuovo progetto del porto turistico che la società “Marina bay srl” di Trapani avrebbe dovuto presentare dopo il ritiro di quello precedente, non è arrivato nei tempi concordati con l’amministrazione Comunale e, conseguentemente, il Sindaco ha comunicato ufficialmente  di ritenere conclusi i lavori della conferenza di servizio, indetta il 31 maggio 2019, e di aver messo fine al progetto.  “In un momento di storica emergenza sanitaria, in cui un’inaspettato stop ed un forzato isolamento ha indotto a riflettere più attentamente sui delicati equilibri tra uomo ed ambiente, sviluppo e tutela del territorio, non poteva esserci migliore notizia – scrive Anna  Maria Piepoli  presidente dell’associazione Italia Nostra -.  San Vito resterà San Vito, borgo marino tra i più suggestivi e pittoreschi, custode di scenari rimasti naturali, vetrina dell’immensa bellezza di mare, sabbia, brezze, colori, di cui l’uomo di oggi ha più che mai voglia e diritto di poter sentire, ammirare, vivere in simbiosi”.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy