Italia Nostra

Strage di alberi anche durante la nidificazione: prima capitozzati, poi abbattuti.

29 Maggio 2024

Si fermi inoltre la strage di alberi sani a Lido di Savio per il “Parco Marittimo” 

La furia dei taglialegna non conosce sosta e iniziano, a quanto pare gli abbattimenti dei filari di pioppi cipressini su via Galilei.
Nel 2018 i pioppi furono sottoposti ad una scandalosa capitozzatura che li aveva ridotti al solo tronco. Ora si scopre che ben 65 pioppi sono malati e vanno abbattuti. A causa dei gravi danni che provoca, la pratica della capitozzatura è vietata dal Regolamento del verde del Comune di Ravenna, se non per particolarissime circostanze documentate. Viene invece abitualmente praticata ovunque, sia dal pubblico che dal privato, dove i cittadini vedono l’esempio, e buttano i loro denari convinti che l’albero abbia bisogno di una bella sfoltita perché poi “cresce più bello di prima”.
 
Ad esempio, a Piangipane, un platano su strada provinciale è stato selvaggiamente capitozzato alcuni anni fa dalla Provincia: poi arriva l’ordine di abbattimento e sulla scheda che abbiamo richiesto di visionare c’è scritto: “Sintomi e/o danni Inserzioni branche: ferite potatura > 6 cm. Branche: Ferite di potatura > 6 cm. Capitozzatura”. E così, il giro di capitozzatori, agronomi, taglialegna senza scrupoli, vivai, dottori forestali, progettisti e via dicendo muove i flussi di denaro, mentre amministratori sempre più ignoranti o disattenti trattano gli alberi come oggetti di consumo, semplici numeri senza qualità ed età ricollocabili e “compensabili” ovunque.
 
Meglio se lontano dalla città, dove, grazie anche ad articoli sensazionalistici, si scatena la psicosi dell’albero che uccide e provoca alluvioni, o del “degrado da alberi”, o loro radici che dir si voglia. Città come forni, senza vita oltre le nostre, e sempre più inquinate; alberi piantati magari a luglio a favore di telecamere per poi venir abbandonati a morire di sete. Senza contare che gli attuali abbattimenti avvengono in periodo vietato per nidificazione. Pare che abbattimenti sostanziosi potranno essere compiuti prossimamente anche in zona Mandriole; abbiamo provveduto a segnalare per le verifiche del caso.
 
Ma ciò che desta ancor più sgomento è la strage gratuita dei pluridecennali, folti, bellissimi e sanissimi pini domestici del viale Romagna a Lido di Savio a causa del cosiddetto “Parco Marittimo”. Decine di segnalazioni ci sono giunte, e mostrano marciapiedi ancora in perfetto stato: ma la strage è già iniziata, così come l’assolato squallore della nuova sistemazione. Senza dimenticare che l’abbattimento di alberi di valore deprezza anche gli immobili. I denari per la “resilienza” vengono sperperati per distruggere la “resilienza” in barba al principio DNSH (do not significant harm) per il quale i progetti PNRR non devono arrecare danno ambientale significativo. Abbiamo saputo di una petizione organizzata da cittadini volenterosi, e non possiamo che ringraziarli per quanto stanno facendo, invitando tutti a sottoscrivere. Si può firmare in moltissimi esercizi commerciali di Lido di Savio. Sull’argomento Italia Nostra sezione di Ravenna si riserva di intervenire nuovamente.
Italia Nostra sezione di Ravenna
 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy