Italia Nostra

Data: 17 Aprile 2014

Eolico, bocciato l’impianto di Monte Gazzaro

Italia Nostra: tutelato uno dei principali crinali dell’Appennino. Se realizzato, il progetto avrebbe provocato danni gravissimi al paesaggio della Toscana. Il Presidente Parini: “Un  ringraziamento sentito alla Soprintendenza per l’impegno e il rigore scientifico dimostrato in questa vicenda”.

La Conferenza dei Servizi della Regione Toscana ha bocciato le pale eoliche sul Monte Gazzaro. Con un documento ben argomentato, sia dal punto di vista giuridico sia da quello tecnico, è stato riconosciuto che l’impianto sul Monte Gazzaro avrebbe provocato danni gravissimi al paesaggio. Riconosciute le ragioni espresse in questi mesi da Italia Nostra Firenze dal locale Comitato e da altre Associazioni ambientaliste contro uno scempio insensato. L’impianto sarebbe sorto sul  sentiero “00” (doppio zero) del CAI, più volte citato nel documento finale della Sovrintendenza, che avrebbe subito danni irreversibili, come sarebbe successo per tutta la zona, che vanta itinerari storici riconosciuti ed apprezzati a livello europeo. E questo è bastato per dire no all’impianto.

Il Presidente di Italia Nostra, Marco Parini: “Un  ringraziamento sentito va alla Soprintendenza per l’impegno e il rigore scientifico dimostrato in questa vicenda”. I Rappresentanti di Italia Nostra Firenze e del comitato Comitato Monte Gazzaro – no eolico selvaggio e della Rete della resistenza sui Crinali, nel manifestare la propria soddisfazione,  dichiarano: “Apprezziamo moltissimo il lavoro della Soprintendenza, che ha dovuto superare il forte handicap iniziale rappresentato dal primitivo giudizio favorevole, dato in sede di valutazione di compatibilità ambientale. Ma un riesame accurato della documentazione e soprattutto due sopralluoghi sul posto negli ultimi mesi, hanno fatto emergere tutti i ben fondati motivi per il no definitivo all’impianto che, per primo, avrebbe violato il crinale principale del nostro Appennino”.

Dopo la mattinata trascorsa a esaminare se le varie prescrizioni formulate dai diversi Enti erano state correttamente recepite da Hergo Wind e dopo che il Settore Energia della Regione Toscana aveva dichiarato di non condividere dal punto di vista procedurale il cambiamento di parere da parte della Soprintendenza ai beni paesaggistici, espresso nella precedente riunione della Conferenza dei Servizi del 18 marzo, è stata proprio la Soprintendenza a chiudere la vicenda. Il Ministero dei Beni Ambientali tramite la Soprintendenza, ha potuto recepire i princìpi contenuti nel nuovo Piano Paesaggistico della Toscana, in discussione in questi giorni in Consiglio Regionale, riconoscendo esplicitamente il grande valore della pianificazione territoriale della Regione.

I rappresentanti di Hergo Wind non sono riusciti a nascondere la loro rabbia per l’inatteso colpo subito e soprattutto, com’è sfuggito al loro legale, “per gli ingenti danni subiti dall’impossibilità di accedere alle aste”. L’ottenimento dell’autorizzazione unica era infatti la pre-condizione irrinunciabile per partecipare alle aste e ambire ai generosissimi incentivi pubblici, senza i quali l’impianto del Gazzaro non avrebbe avuto alcuna possibilità di essere redditizio.

Italia Nostra, i rappresentanti del Comitato e delle altre Associazioni ambientaliste hanno sottolineato l’importanza decisiva del proprio lavoro, della caparbietà con cui hanno portato avanti questa battaglia e della scelta di confrontarsi con tutte le istituzioni, dai Comuni alla Soprintendenza, alla Regione dimostrando, in tal modo, che se le richieste sono giuste e ben argomentate, anche se portate avanti solo da volontari che difendono interessi collettivi, possono farsi spazio ed essere condivise laddove si decide pro o contro il bene comune.

Mariarita Signorini, Italia Nostra Firenze e nazionale

Luciano Ardiccioni, Comitato Monte Gazzaro – no eolico selvaggio

Alberto Cuppini, Rete della Resistenza sui Crinali

Italia Nostra, ufficio stampa | cell. 335.1282864 | email: mariagrazia.vernuccio@gmail.com

News precedente

Vai a una prima rassegna stampa

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra