Italia Nostra

Data: 12 Aprile 2013

Italia Nostra: esposto al Governo contro la privatizzazione di foreste e parchi liguri

Italia Nostra ha inoltrato oggi 12 aprile un esposto al Governo sulla incostituzionalità della Legge Regionale della Regione Liguria 25 marzo 2013 n.9 “MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 22 GENNAIO 1999, N.4 (NORME IN MATERIA DI FORESTE E DI ASSETTO IDROGEOLOGICO)”, approvata dal Consiglio Regionale-Assemblea Legislativa della Liguria indata 25 marzo 2013 e pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria n. 3 del27/3/2013 (parte I). L’esposto, realizzato grazie alla stretta collaborazione tra Italia Nostra, sez. Liguria e WWFLiguria, riguarda articoli della legge regionale ritenuti costituzionalmente illegittimi, in quantocontrastanti con il d.lg. 42/2004 in materia di beni ambientali e pianificazione paesistica (c.d.”Codice Urbani”) e i principi fondamentali fissati dalla vigente normativa statale, inclusa quellain materia di tutela dell’ambiente e degli ecosistemi. Il testo della legge regionale ligure 9/2013asserisce che la realizzazione di strade ed infrastrutture forestali equivale ad attività diselvicoltura e quindi non costituisce mutamento di destinazione d’uso del territorio. Ciòimplicherebbe una contrazione della nozione di “intervento di nuova costruzione” con possibilinuove conseguenze in materia di titoli autorizzativi e di sanzioni. Si chiede, dunque, che ilGoverno proceda all’impugnazione della Legge Regionale ligure n.9/2013 presso la CorteCostituzionale, ai sensi dell’articolo 127, comma primo, della Costituzione italiana. A livello nazionale l’esposto si accompagna ad una preoccupazione di carattere più generale. Infatti, con il pretesto di dover ridurre le spese dei parchi per andare incontro alla spendingreview del Governo Monti e, parallelamente, pressati dall’esigenza di dover dare risposte sulfronte di nuove prospettive di lavoro, sorge il dubbio che le amministrazioni locali stianocercando escamotage per venir meno a quei principi di tutela paesaggistica, ambientale e dellabiodiversità che hanno ispirato i principi e l’applicazione della legge nazionale sui parchi394/91 e, dal 1999 in poi, la lunga stagione degli enti parco regionali. Una stagione, quella dellearee protette regionali, che oggi rischia bruscamente di chiudersi se pericolosamentericondotta a logiche di riorganizzazione politico-amministrativa attraverso l’istituzione diagenzie di servizio o enti parco unici regionali (prospettiva che si profila in Liguria dal prossimo30 settembre) per la gestione delle aree protette.

12 aprile 2013

ITALIA NOSTRA

Ufficio stampa Maria Grazia Vernuccio cell. 335.1282864
mariagrazia.vernuccio@gmail.com

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra