Italia Nostra

Data: 10 Giugno 2014

La cassazione respinge il ricorso della raffineria di Gela. Vittoria di Italia Nostra

La Corte Suprema di Cassazione ha respinto il ricorso proposto dalla Raffineria di Gela (già Agip Petroli S.p.A.) contro la sentenza della Corte di Appello di Caltanissetta, che ha ritenuto vere le dichiarazioni fatte dal presidente pro-tempore di Italia Nostra Saverio Di Blasi, nel comunicato stampa del 13 novembre 1999. Saverio Di Blasi e Italia Nostra sono stati difesi legalmente dall’avvocato Salvatore Morreale.

La Corte di Appello, ribaltando la sentenza emessa dal Tribunale di Gela, ha ritenuto che le dichiarazioni rese da Saverio Di Blasi il 13 novembre 1999 “… lo Snox delle ciminiere dello stabilimento Agip  di Gela non funziona, si notano fuoriuscite di fumo incombusto che continuano ad inquinare l’aria, gelesi e niscemesi respirano aria a base di gas, di benzene di idrocarburi e cianuri… il benzene è riconosciuto dalla scienza altamente cancerogeno porta la leucemia la nube espulsa dalla marmitta dello Snox oltre a inquinare l’aria di gela chissà cosa ha provocato al nostro organismo… oggi si muore tutti di tumore; Italia Nostra chiederà alla procura una indagine per verificare se lo Snox funziona e in caso contrario individuare i responsabili del disastro” sono fatti veri, esposti in maniera continente, per cui sussiste l’interesse sociale alla loro divulgazione e alla loro interpretazione, motivo per cui essi costituiscono libero esercizio del diritto di critica quindi atto pienamente lecito tutelato dall’ordinamento e che non danno luogo ad alcun obbligo risarcitorio in capo all’Agip Petroli e ai suoi aventi causa processuali. La sentenza appellata va dunque riformata e la richiesta risarcitoria dell’Agip Petroli S.p.A. nei confronti del Di Blasi Saverio definitivamente rigettata…”.

La sentenza aveva inoltre dichiarato inutilizzabile una video-registrazione che Agip Petroli aveva prodotto in giudizio atteso che, a seguito di una consulenza tecnica disposta, tali documenti televisivi risultano con tagli all’inizio e alla fine della trasmissione, con improvvise intromissioni di segnali audio e con strisciate di grigio nel segnale video tra un fotogramma e l’altro (v.c.t.u.) così da alterare la sequenza di risposte e domande e in definitiva il senso stesso delle dichiarazioni ad ulteriore non necessaria conferma dell’atto di disconoscimento fatto dal Di Blasi. La Corte aveva anche condannato la Raffineria di Gela al pagamento delle spese processuali in favore di Italia Nostra e di Saverio Di Blasi. Avverso la sentenza della Corte di Appello, la Raffineria di Gela ha proposto ricorso per Cassazione, cui Di Blasi ha resistito. Il ricorso, patrocinato per conto di Raffineria dal prof. avv. Pietro Rescigno e dal prof. avv. Andrea Barenghi è stato rigettato, ritenuta l’infondatezza e/o l’inammissibilità dei motivi proposti, in particolare la Suprema Corte ha ritenuto non censurabile nel merito le decisioni adottate dalla Corte di Appello di Caltanissetta così come sopra compendiate, condannando la Raffineria al pagamento delle spese legali.

“Non possiamo non esprimere soddisfazione per questa sentenza della Suprema Corte di Cassazione” – afferma il presidente di Italia Nostra Sicilia Leandro Janni. “Evidentissime, rilevanti, e acclarate responsabilità della Raffineria di Gela. Oltre alle responsabilità della Raffineria, risulta evidente, in questo territorio, la mancata, grave e persistente tutela dell’ambiente (aria, suolo, acque, spazi abitativi, paesaggio) da parte di tutte le istituzioni competenti” – aggiunge Janni.

Per il presidente nazionale di Italia Nostra Marco Parini “vanno poste in essere adeguate indagini tecnico-scientifiche nelle aree  individuate per la bonifica ambientale del territorio gelese; vanno altresì individuate e rese disponibili adeguate risorse economico-finanziarie; inoltre, va effettuato un serio controllo sui fondi pubblici assegnati e sulle modalità di spesa di tali risorse”.
|

Italia Nostra, ufficio stampa | cell. 335.1282864 | email: mariagrazia.vernuccio@gmail.com

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra