Italia Nostra

Data: 22 Gennaio 2021

A proposito dell’intervento sulla stazione di “Pescara-Porto” dell’ex FEA

 

Apprendiamo dalla stampa che sarebbero imminenti i lavori per il recupero e la nuova destinazione di  area e della Stazione “Pescara-Porto”, terminale urbano della storica ferrovia elettrica Pescara–Penne ( ex FEA).

Il progetto, oggi  illustrato,  risente della genericità presente già nell’ Avviso della Regione Abruzzo, proprietaria dell’immobile: come denunciato da Italia Nostra  (già il 2.2.18);  non emergeva con sufficiente chiarezza  la richiesta di conservare il carattere di un  sito dalle straordinarie qualità  storiche ,di  ubicazione nel cuore della città e direttamente prospiciente al mare.  Così, incide pesantemente sulla definizione  progettuale l’incomprensibile mancato riconoscimento, da parte della Soprintendenza Regionale ABAP, dell’interesse culturale in un complesso di archeologia infrastrutturale  così significativo per la storia di Pescara. Infine si rileva la delega totale all’investitore privato del programma edilizio e funzionale da parte del Comune.

Leggiamo  a proposito delle destinazioni previste: “un polo di stampo artistico – gastronomico ma anche  uno spazio per uffici”   Ricordiamo che il bando iniziale, pur rivolto alla iniziativa privata, prevedeva destinazioni di interesse pubblico e, pertanto, andrebbero esclusi sia uffici non connessi alla attività culturale prevalente, sia forme di commercio assimilabili alla grande distribuzione.

Eliminare spazi per studi privati, uffici, commercio ordinario ecc., favorirebbe peraltro un ridimensionamento dell’impatto visivo certamente esorbitante e indifferente alla dimensione spaziale del luogo, con  un ingombro eccessivo anche rispetto ai manufatti esistenti ed al contesto circostante.

La spazialità  dell’area  deve conservare  la palazzina, gli hangar di rimessa per gli autobus, le altre tracce ferroviarie, anche nel nuovo progetto  e con le nuove destinazioni. Infatti la memoria del sito è elemento della  costruzione di questa parte della città; non si deve commettere l’errore di isolare una parte rispetto al tutto come è avvenuto per le due stazioni ferroviarie maggiori, quella di Pescara Centrale e di Portanuova, nelle quali le demolizioni effettuate hanno snaturato anche le parti residue.

Auspichiamo che il progetto approvato preveda, quindi, oltre che per i due edifici verso il mare, anche il riuso dei capannoni-rimessa nella parte ovest, almeno nella loro conformazione spaziale.

 Per quanto riguarda  il “luogo d’arte” vorremmo saperne di più; ricordiamo che il sito ospitò due edizioni di “Fuori Uso” la geniale rassegna ideata dal compianto Cesare Manzo e forse nel sito ci  sono ancora tracce del passaggio di artisti importanti (come, del resto, permane la originaria scritta).

Ora si propone un nuovo spazio;  ma, a nostro avviso, esso si dovrebbe programmare all’interno della rete dei musei e dei luoghi espositivi cittadini che, invece, attualmente languono, privi come sono di una organizzazione unitaria e di risorse adeguate; intanto  si annunciano almeno tre nuove strutture per l’arte a gestione separata, frutto di iniziative del mecenatismo pubblico o privato, cui questa si aggiungerebbe.
Un progetto culturale a scala urbana  e una strategia (mai adottata finora) per i musei diventa  ormai  urgente per connettere le strutture esistenti e programmate, sottraendole alla casualità di scelte particolaristiche. L’intervento privato potrà inserirsi in esso, non sostituirlo arbitrariamente.

Questa visione  permetterebbe di ottimizzare  proposte e interventi, anche con le possibilità che il digitale consente, oltre la pandemia e facendone   soprattutto  luoghi di produzione della cultura .

Ci auguriamo che questo intervento possa tener conto delle nostre osservazioni, realizzando una struttura per la città e, insieme  la conservazione di una memoria; torniamo a chiedere che, anche nel campo dei servizi e degli spazi per la cultura, si favoriscano momenti di partecipazione nei quali noi  chiediamo di essere coinvolti con le altre associazioni cittadine.

 

 Il Direttivo della Sezione di Italia Nostra “L. Gorgoni” Pescara

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra