Italia Nostra

Data: 7 Marzo 2023

Al centro storico di Monterotondo l’amministrazione vara un piano della mobilità che porterà più macchine e renderà meno verde l’intera area

L’Amministrazione Comunale di Monterotondo ha annunciato in questi giorni l’avvio di un faraonico progetto di riorganizzazione delle aree di sosta che diverranno in massima parte a pagamento e che è ispirato al “Piano urbano del Traffico”, approvato dalla Giunta comunale nel maggio del 2019.

Quale primo tassello del piano per il supposto riordino della mobilità urbana, è stato deciso entro l’estate di avviare i lavori per la realizzazione di un parcheggio interrato nel centro storico cittadino, a Piazza della Libertà, per circa 200 posti a cura della società AJ Mobilità.

Il progetto – i cui costi realizzativi andranno a ricadere sui cittadini sulla base di quanto disposto dalla delibera della giunta comunale, approvata lo scorso 16 febbraio, che ha “trasformato” la maggior parte degli stalli esistenti in aree di sosta blu a pagamento e ne prevede ulteriori su tutta l’area urbana, affidate in gestione e per un periodo di 21 anni alla società AJ Mobilità – stabilisce nello specifico le seguenti opere:

– un parcheggio multipiano interrato;

– la trasformazione completa dell’attuale Piazza della Libertà sulla quale insistono edifici storici e alberature di grandi dimensioni – quest’ultime saranno eliminate per fare spazio al parcheggio e per creare nello spazio sovrastante allo stesso un’area moderna deputata al ritrovo e ad eventi all’aperto.

– e la realizzazione di un immobile commerciale in acciaio e vetro (al posto dell’attuale sede della Pro Loco) di cui circa 120 mq.

ITALIA NOSTRA e l’Associazione Centro Storico in Movimento (Comitato di quartiere del centro storico di Monterotondo) esprimono preoccupazione riguardo alle opere suddette, che interesseranno in maniera significativa un’area di grande valore storico, paesaggistico e ambientale. Si parla di favorire le soste brevi, una misura certo non adatta a limitare il disagio e l’inquinamento da traffico, favorevole solo a chi ha interesse nella movida e nella monocoltura della ristorazione, e in sostanza contraria agli interessi degli abitanti del centro storico. Inoltre il progetto presenterebbe una serie di criticità, sia sotto un profilo prettamente tecnico idrogeologico – date le caratteristiche del terreno e la presenza di una falda superficiale, il cui flusso sotterraneo potrebbe interferire negativamente con le fondazioni degli edifici limitrofi – sia con riguardo agli aspetti architettonici-paesaggistici ed ambientali per i previsti interventi ancora ai danni del patrimonio verde urbano, già oggetto di drastici abbattimenti in molte aree cittadine del medesimo Comune, che appare tuttora in ritardo in merito agli obblighi previsti dalla norme di riferimento.

Per quanto sopra, si invitano l’Amministrazione Comunale, le Soprintendenze e, per quanto di competenza la Città Metropolitana di Roma e la Regione Lazio a dare ascolto alle istanze che provengono in questi giorni dai tanti cittadini e dagli ambientalisti, che hanno manifestato anche la loro determinazione a portare avanti una battaglia di civiltà a salvaguardia del centro storico cittadino ricorrendo, se necessario, all’Autorità Giudiziaria.

Chiediamo un intervento immediato delle autorità preposte alla tutela del patrimonio storico, artistico e ambientale per scongiurare un’operazione che pregiudicherebbe l’integrità di un complesso di elevato valore storico, architettonico e paesistico. Italia Nostra, che da decenni dedica grande attenzione alla conservazione e alla vivibilità dei nostri preziosi centri storici, si unisce ai cittadini di Monterotondo per invitare il Comune a recedere dai suoi propositi, con la consapevolezza che i problemi del traffico urbano non si risolvono cancellando l’ennesima area verde per costruire un parcheggio (che incentiva l’uso dell’auto), bensì potenziando il trasporto pubblico, e con la convinzione che l’identità dei luoghi e la tutela della memoria che essi racchiudono, valgano molto di più di qualsiasi distesa di asfalto destinata ad accogliere le nostre sempre più ingombranti auto.

 

 

Italia Nostra, Sezione “Aniene e Monti Lucretili”

Associazione “Centro Storico in Movimento”

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy