Italia Nostra

Data: 26 Novembre 2018

Attivazione degli Ecocentri e delle “Piazze del baratto”. Comunicazioni e richieste di Italia Nostra Sud Salento

L’Associazione Italia Nostra, da sempre interessata alle tematiche della tutela dell’ambiente, più volte si è attivata sul territorio della provincia di Lecce tramite la scrivente Sezione per avanzare proposte e osservazioni in sede di elaborazione del Piano Regionale dei Rifiuti, per denunciare alle autorità competenti l’abbandono di rifiuti (speciali, pericolosi e tossico-nocivi) su aree agricole e periferiche ai centri abitati e per contrastare progetti per la realizzazione di impianti che risultavano inadeguati a garantire un corretto trattamento dei rifiuti e la tutela dell’ambiente.

In tale contesto, al fine di prevenire e/o contenere lo smaltimento illecito e per ridurre il volume di rifiuti da raccoglie e da trattare, un tassello molto importante è quello di innescare processi virtuosi in termini ecologici ed economici consistenti nell’organizzare le attività dell’uomo secondo i principi dell’economia circolare attraverso il recupero delle materie (prime e seconde) e riutilizzando oggetti ed attrezzi ancora funzionanti; pertanto risulta quanto mai indispensabile mettere in esercizio (lì dove ancora fermi) i cosiddetti Ecocentri e attivare quelle azioni che ne favoriscano il loro funzionamento, anche in ragione che la loro realizzazione ha comportato l’impiego di considerevoli somme di denaro pubblico.

Pertanto, essendo che in quasi tutti i comuni della provincia di Lecce sono stati realizzati tali Centri di raccolta (Ecocentri o Isole ecologiche per lo stoccaggio temporaneo di alcune tipologie di materiali recuperabili) e poiché molti comuni non hanno ancora dato corso alla loro utilizzazione, risulta opportuno e necessario che tali strutture (ove non funzionanti) siano al più presto messe in esercizio in modo da consentire ad ogni cittadino e alle comunità di usufruire di un servizio fonda-mentale. A tal fine auspichiamo che tali Centri siano gestiti in modo efficace, con orari adeguati, con procedure di deposito semplificate e con lo svuotamento tempestivo dei cassoni di conteni-mento, in modo da contrastare – per quanto possibile – l’abbandono dei rifiuti nelle campagne; allo stesso tempo e in virtù di quanto disposto dall’Art. 66 del “Collegato ambientale” della Legge 28 /12/2015 n.221, si propone che in detti Centri di raccolta siano attivate le cosiddette “Piazze del baratto” per l’esposizione temporanea da parte dei cittadini di oggetti, attrezzi e materiali per lo scambio tra privati di quei beni ancora funzionanti e idonei al riutilizzo. Evidentemente l’attivazione di tale servizio dovrà essere supportato da una campagna di informazione e sensibilizzazione da mettere in atto per far si che i cittadini si adoperino superando eventuali reticenze al riuso e al riciclo.

In tale direzione ci risulta che già il Comune di Leverano, presso l’Ecocentro ubicato in Via F. Durante, ha avviato di recente “La Piazza del baratto” dove ogni sabato chiunque è interessato può effettuare lo scambio di oggetti inutilizzati (libri, giocattoli, vestiti, oggetti, elettrodomestici, giornali, dvd, ecc.) con quelli di altri cittadini.

Al fine di conoscere la situazione esistente nella provincia di Lecce la scrivente ha predisposto una Scheda conoscitiva per la quale si chiede ad ogni Comune di volerla compilare e rispedire (con e-mail a: sudsalento@italianostra.org) entro il 20 dicembre 2018.

Auspicando che le proposte e le richieste suddette siano opportunamente valutate dalle SS.LL. e restando in attesa di un Vs. gradito riscontro, si inviano distinti saluti.

Il Presidente Marcello Seclì

 

Si allega scheda conoscitiva: IN-Ecocentri – Lettera ai Comuni modificata

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra