Italia Nostra

Data: 15 Gennaio 2021

Fiume Lao: rifiuti dalla montagna al mare. Che vergogna!

Ricordate tutti questi rifiuti,di cui pubblichiamo le foto (le prime 13), presenti nell’alveo del Fiume Lao e che denunciammo all’allora sindaco del comune di Orsomarso ora consigliere regionale Antonio De Caprio il 18 febbraio del 2019? Non ci sono più. Ma non perché raccolti e portati in discarica, ma perché trasportati dalle piene del Fiume a valle e precisamente nel mare. Poi non lamentiamoci di chi si lamenta del nostro mare e ne ha tutto il diritto.
Sapevamo che tutto ciò poteva avvenire da un momento all’altro ed avevamo anche chiesto che tali rifiuti più leggeri venissero allontanati con dei mezzi e portati almeno al sicuro, se non in discarica. Non c’e stato nulla da fare. Ma nel fiume sono rimasti ancora tutti i rifiuti più pesanti, altri se ne sono aggiunti, altri ancora sono stati bruciati. Il fuoco è stato utilizzato a più riprese per far scomparire cose, vegetazione , alberi. I varchi di accesso nell’alveo del fiume che avevamo fatto chiudere per impedire l’accesso ai mezzi che trasportavano e scaricavano di tutto, sono stati comodamente e completamente riaperti ed è ripreso lo scarico.
Vi sono tracce evidenti di cingolati che certamente non sono andati a far visita al fiume ma che hanno scaricato materiali o preso legname dal fiume tagliando casomai alberi che man mano stanno scomparendo, bruciati prima e poi tagliati, con ampi tratti di demanio idrico sottratti al fiume ed utilizzati per altri scopi. Ci auguriamo che al più presto venga posta la parola fine a questa vergogna che investe le istituzioni nel loro complesso, direttamente e personalmente e anche chi ha finito per lavarsene le mani quando invece poteva fare qualcosa di concreto.
E non basta ripulire subito il fiume Lao dai rifiuti che ancora ci sono nel alveo e che comunque con il tempo verrebbero trasportati in mare o inceneriti dal fuoco e trasformati in veleni che poi respiriamo, è necessario impedire con ogni messo, e ce ne sono tanti a disposizione, che il Fiume venga utilizzato ancora nel modo peggiore possibile, e cioè come una discarica da questi lestofanti distruttori e insozzatori dell’ambiente. Ma non minore responsabilità ha chi non impedisce tutto ciò. Il nostro è un territorio a vocazione esclusivamente turistica, sul mare si regge l’intera economia della costa e anche della montagna. Abbiamo purtroppo un mare che peggiora di anno in anno. La depurazione non riesce a garantire efficienza e funzionalità, gli impianti sono quasi tutti insufficienti ed inadeguate. Ma voi pensate che quello che proviene dai nostri fiumi, canali, torrenti non contribuisce alla condizione del mare?
Il tempo è ormai scaduto: sono passati due anni, dunque chiediamo al Comune di Orsomarso di fare più in fretta possibile a bonificare la sponda sud del Fiume Lao togliendo tutti i rifiuti presenti evidenziati su queste foto, e di intervenire efficacemente per mettere sotto controllo e video sorvegliare gli accessi al fiume per tutelare quest’area naturalistica e colpire in modo rigoroso tutti coloro che a vario titolo vogliono utilizzare il fiume e tutto ciò che esso rappresenta e contiene per i loro illegali interessi personali. Ci auguriamo che il Comune di Orsomarso e chi lo rappresenta ora e chi lo ha rappresentato in passato avvertano questa necessità e urgenza di fare una buona volta pulizia restituendo decoro ad un Sito di Interesse Comunitario, ora anche Zona Speciale di Conservazione tra le più importanti della Calabria ma che deve essere tale non solo nella propaganda, ma anche nei fatti.
ITALIA NOSTRA ALTO TIRRENO COSENTINO

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra