Italia Nostra

Data: 8 Luglio 2020

Italia Nostra Roma: Raggi renda pubblici i pareri favorevoli sullo Stadio e risponda alle osservazioni

“Continua il sistema, purtroppo ben poco democratico, dell’attuale amministrazione comunale che tradendo le promesse di garantire informazioni e partecipazione non ha voluto coinvolgere i cittadini in incontri e confronti pubblici e tanto meno far conoscere le documentazioni in suo possesso che renderebbero possibile superare i problemi evidenziati da tempo e non risolti per l’attuazione del progetto Stadio a Tor di Valle – è quanto dichiara Italia Nostra Roma in merito alla questione dello Stadio a Tor di Valle – fin dall’avvio della vicenda col sindaco Marino aveva evidenziato le gravi criticità presenti nel progetto. Infatti quel primo progetto fu bocciato nella Conferenza dei servizi regionale (fatto che i media stranamente non riportano)”. Così in un comunicato Italia Nostra Roma.

“La Giunta Raggi ha quindi risuscitato lo stadio nello stesso luogo di Tor di Valle, nonostante i Consiglieri Mov5Stelle lo avessero contestato quando erano all’opposizione: questo è stato un grave atto politico in quanto fermare lo stadio a Tor di Valle era stato uno degli impegni presi in campagna elettorale. Non si è nemmeno cercato di proporre un nuovo sito come aveva richiesto Italia Nostra Roma. Inoltre, dal punto di vista tecnico-urbanistico, dalla delibera Raggi, nonostante la diminuzione delle cubature, sono state introdotte nuove criticità evidenziate anche dagli stessi dirigenti comunali, oltre che da quelli della Città Metropolitana e dal MIBACT nella nuova fase della Conferenza dei servizi regionale. Un particolare riconoscimento – continua la nota – va fatto all’allora Assessore all’Urbanistica regionale e alla Dirigente Responsabile del procedimento di avere aperto gli incontri della Conferenza alle associazioni e comitati di cittadini che ne avevano fatto richiesta, permettendo loro di chiedere informazioni e esprimere pareri. Una vera e propria rivoluzione democratica per Roma che ben poco ha visto realizzare i suoi diritti costituzionali da parte delle istituzioni. Oggi la Sindaca Raggi – scrive Italia Nostra- ha la possibilità di dare un primo segnale rispetto di questi diritti rendendo pubblici i pareri favorevoli alla prosecuzione del procedimento da parte dei dirigenti degli Uffici capitolini competenti con le eventuali prescrizioni – che sono stati portati ieri sera a conoscenza dei soli consiglieri comunali di maggioranza. In tali pareri forse potrebbero esserci anche le controdeduzioni degli Uffici alle osservazioni presentate ormai due anni fa dalle associazioni e dai comitati alla variante urbanistica, che si è ritenuto essere stata adottata a seguito della conclusione della Conferenza regionale.”

“Tra quelle osservazioni vi sono anche quelle di Italia Nostra Roma sulle quali attendiamo risposta. Ricordiamo che tra le criticità segnalate all’inizio e che non hanno avuto mai risposte dal Comune (né col primo né col secondo progetto) rimangono, insieme a quelle più note sulla mobilità, quelle della titolarità della proprietà dell’area da parte dell’attuale proponente. Rimane inoltre l’esistenza di tutti i rischi idrogeologici e sismici e i vincoli ambientali e paesaggistici originari che non possono considerarsi venuti meno solo mediante il parere favorevole a quelle deroghe del Rappresentante dell’allora Governo nella Conferenza dei Servizi regionale”.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra