Italia Nostra

Data: 2 Giugno 2020

Marina di Ravenna: tutti in difesa dei due nidi di fratino in pericolo. Italia Nostra in prima fila

Forse un miracolo del lock down, forse una coincidenza quasi casuale. Fatto sta che da due mesi i due nidi di fratino rinvenuti nella spiaggia della movida ravennate da volontari delle associazioni ambientaliste sono sorvegliati e curati speciali. Quasi trenta persone si alternano da settimane per presidiare la porzione di spiaggia a Marina di Ravenna dove sono apparsi per la prima volta. Il maggior pericolo nel quale potrebbero incorrere le due giovani coppie è rappresentato da predatori, quali il gheppio e il gabbiano. La gabbietta posizionata a terra ha protetto per fortuna la madre spaventata e le uova dall’attacco, anche perché la schiusa è prevista fra 4 – 5 giorni. Intanto i lavori di pulizia e spianamento sono terminati e anche il bagno Tequila si appresta ad attrezzare la spiaggia non senza difficoltà adattandosi alla situazione. Il posizionamento ideale potrebbe essere il bagno dell’esercito accanto. Lì le due coppie potrebbe stare al riparo dalla presenza dei bagnanti, che nella maggioranza dei casi hanno imparato a rispettare l’insolito vicino, divenuto un attrazione. Più difficile sarà sfuggire ai predatori naturali che rendono dura la vita del trampoliere. Si alternano nella vigilanza quotidiana dell area segnalata con cartelli e una bandella rossa diverse associazioni ambientaliste: L’Arca, l’a s so ci azione Naturista Ravennate, Clama, Enpa, Italia Nostra, Legambiente, Oipa, Wwf e Auser, delegazione di Marina di Ravenna.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra