Foto del giorno

Data: 23 Dicembre 2020

Sospensione regolamento Via Verde: le associazioni esultano

Sospensione regolamento della Via Verde: le associazioni esultano. Forum Civico Ecologista, Arci Vasto, Italia Nostra del Vastese, CAI Vasto, Gruppo Fratino Vasto, Club per l’UNESCO di Vasto esprimono la loro soddisfazione alla notizia della richiesta di sospensione del Regolamento di gestione della Via Verde da parte del Dipartimento Territorio e Ambiente del Servizio Pianificazione Territoriale e Paesaggio della Regione Abruzzo.

“Apprendiamo con soddisfazione che il Dipartimento Territorio e Ambiente del Servizio Pianificazione Territoriale e Paesaggio della Regione Abruzzo abbia richiesto la sospensione del Regolamento di gestione della Via Verde predisposto dalla Provincia di Chieti – sottolineano le associazioni – Insomma, avevamo ragione noi sin da quando, il 23 novembre scorso, lanciammo l’allarme circa la possibilità di trasformare uno dei tratti più caratteristici ed ecologicamente importanti dell’intera costa adriatica in uno scempio ambientale, paesaggistico ed urbanistico. Da allora abbiamo sollecitato tutti gli Enti preposti ad attivarsi affinché il Regolamento della Provincia venisse immediatamente bloccato e rigettato. In quel comunicato avevamo chiamato in causa anche la Regione. Abbiamo così trovato il largo consenso e la Regione Abruzzo non ha potuto fare altro che intimare alla Provincia di sospendere ogni attività inerente il Regolamento in quanto illegittimo.

Ma non finisce qua: continuiamo a sostenere la necessità di mettere definitivamente a regime la Legge Regionale n. 5/2007 per rendere realmente operativo il Sistema delle Aree Protette della Costa Teatina, così come stabilito dall’art. 4 della Legge stessa. Questo stop dev’essere solo il primissimo passo verso una governance che ponga come scopo primario la tenuta ecologica ed ambientale dell’intera Costa Teatina la quale non può più attendere quello che è l’obiettivo principale da raggiungere: ovvero l’istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina. Pertanto non possiamo fare altro che continuare ad attenzionare l’intera vicenda ed esortiamo il Ministero e il Governo nazionale – di cui pure personalità politiche di questi territori fanno parte – a riattivare quel percorso fermo in qualche cassetto e che abbisogna di essere ultimato affinché la Costa Teatina venga dotata del Parco Nazionale da molte parti richiesto”.

Italia Nostra