Comunicati

22-04-2020

Per un’Italia Democraticamente digitale

L’emergenza sanitaria provocata dal Covid 19 ha messo alla prova il Paese anche dal punto di vista del collegamento digitale, dimostratosi largamente insufficiente a causa dei ritardi e delle lacune esistenti nella rete a banda larga fissa.

Da anni, nonostante diversi tentativi e diversi interventi, i principali attori di questo settore, pubblici e privati, perseguono obiettivi che non consentono di avere una adeguata rete per le trasmissioni dati via fibra. Si susseguono confronti e negoziati, ma non si arriva mai ad un accordo generatore di progresso.

L’Italia è in ritardo rispetto agli altri partner europei in questa sfida che riguarda la nostra capacità di favorire un avanzamento delle nostre imprese sia sul versante produttivo che su quello commerciale, un più semplice approccio alla Pubblica Amministrazione, lo smart working, lo studio a distanza, la finanza digitale e lo sviluppo di servizi che renderebbero l’Italia più efficiente e produttiva.

Ma non è solo questo: negli anni tra il 2006 e il 2008, durante il Governo Prodi, Italia Nostra si era battuta in una campagna nata per il ripristino del decoro urbano che puntasse ad estendere la banda larga per consentire l’eliminazione delle antenne e parabole che deturpavano, e deturpano ancora di più oggi lo skyline delle nostre città. Una campagna che, partita da Roma, toccava molte nostre importanti città: Siena, Milano, Napoli, Palermo. Una campagna che voleva restituire bellezza ai tetti dei nostri centri storici, dalle grandi ed importanti città ai piccoli borghi. Attraverso di essa si intravedeva la possibilità di generare una sana occupazione per le piccole medie imprese del settore, “sana per l’economia e sana per l’ambiente” come recentemente si è letto nell’Appello su Altra Economia del prof. Pileri del Politecnico di Milano.

Per Italia Nostra è dunque venuto il momento che lo Stato , attraverso il Governo, torni a fare il “buon padre di famiglia” e riprenda in mano la guida del processo digitale e disegni in maniera inderogabile la via da seguire per tutti, attori pubblici e privati, al fine di dotare l’intero territorio nazionale di una adeguata rete a banda larga fissa, in modo da recuperare nel più breve tempo possibile il tempo perso in mille confronti senza esito tra i diversi protagonisti di questo vitale settore per l’economia e la società nazionali.

ITALIA NOSTRA

 

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus